4villeblog_banner150x150px
 -> Informazioni

La tua posizione

Modena, MO

Cambia posizione

Cercafarmaco su smartphone Android e Apple
Se hai uno smartphone o un tablet cercafarmaco.it è disponibile anche sull'App Store Apple e sul Play Store Android, clicca sui link seguenti per scaricare l'app:

Inserisci Cercafarmaco sul tuo sito
Widget_cercafarmaco

Copia e incolla il codice html del box sotto sul tuo sito:

ATROPINA LUX COLLIRIO 10ML 5MG/ML

Immagine non disponibile
Codice: 000307037 Codice EAN:
COLLIRIO SOLUZIONE (atropina solfato: 0,50000% 10 ml 50 mg)
Codice ATC S01FA01 :
  • Organi di senso
  • Oftalmologici
  • Midriatici e cicloplegici
  • Anticolinergici
  • Atropina

Produttore: ALLERGAN SpA
Temperatura di conservazione: non superiore a +25 gradi
Forma farmaceutica: COLLIRIO SOLUZIONE
Scadenza: 36 MESI
Confezionamento: FLACONE
Prodotti simili

Scheda prodotto

DENOMINAZIONE

ATROPINA LUX COLLIRIO, SOLUZIONE

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Midiatrici e cicloplegici.

PRINCIPI ATTIVI

Atropina solfato.

ECCIPIENTI

Borace; acido borico; potassio cloruro; clorobutanolo; alcool etilico; mentolo; eosina; acqua depurata.

INDICAZIONI

L'Atropina, per la sua azione midriatica e cicloplegica, e' particolarmente indicata per l'esame dei mezzi trasparenti e del fondo dell'occhio; trova impiego anche, associata ad altri farmaci, nei processi infiammatori dell'uvea non ipertensivi sia primari che secondari.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati; l'uso del farmaco e' controindicato nei soggetti affettida glaucoma o che presentano angolo camerulare stretto. Nelle ulcere perforanti periferiche della cornea, l'uso dell'Atropina potrebbe causare erniazione dell'iride attraverso la lesione. Il collirio non deve essere impiegato nei bambini sotto i 3 anni di eta'.

POSOLOGIA

Instillare nell'occhio interessato 1 o 2 gocce di collirio, soluzione3 volte al di' per i 3 giorni precedenti l'esame clinico o secondo prescrizione medica. Popolazione pediatrica: atropina e' controindicato nei bambini di eta' inferiore ai 3 anni. Modo di somministrazione: al fine di evitare un eccessivo assorbimento sistemico e' opportuno, dopol'instillazione, eliminare l'eccesso di farmaco e chiudere per circa 1 minuto i punti lacrimali con una pressione digitale. In caso di trattamento concomitante con altre medicazioni oculari, si devono aspettare almeno 5 minuti tra una instillazione e l'altra.

CONSERVAZIONE

Non conservare a temperatura superiore ai 25 gradi C.

AVVERTENZE

Il prodotto, se accidentalmente ingerito o se impiegato per lungo periodo a dosi eccessive, puo' determinare fenomeni tossici. Un eccesso di dose in bambini o in soggetti particolarmente predisposti puo' provocare reazioni tossiche generali. Il prodotto deve essere usato con grande cautela nei soggetti con predisposizione all'aumento della pressione endoculare e negli anziani poiche' potrebbe verificarsi un attacco di glaucoma acuto con le sue gravi conseguenze. Il farmaco e' da usarsi esclusivamente per somministrazione topica oculare, evitando l'instillazione quando la mucosa o la cute siano infiammate o comunque lese.

INTERAZIONI

Esiste una normale interazione tra l'attivita' parasimpaticolitica dell'Atropina con i farmaci colinomimetici e gli inibitori delle colinesterasi che viene vantaggiosamente utilizzata per controllare sia il suo effetto topico (Pilocarpina) che il suo eventuale effetto sistemico (Fisostigmina).

EFFETTI INDESIDERATI

La perdita transitoria del potere di accomodazione e' una conseguenzadel tutto normale dell'Atropina. Gli effetti indesiderati sono elencati in base alla Classificazione per sistemi e organi, in ordine decrescente di gravita' all'interno di ciascuna classe di frequenza: molto comune (>=1/10); comune (>=1/100, <1/10); non comune (>=1/1.000, <1/100); raro (>=1/10.000, <1/1.000); molto raro (<1/10.000) e non nota. Patologie dell'occhio. Non noti: reazioni oculari irritative incluso congiuntivite follicolare, edema oculare, iperemia oculare e eczema palpebrale, visione offuscata e azione temporanea normale midriatica dell'atropina che causa midriasi e azione cicloplegica che portano alla perdita transitoria del potere di accomodazione. Disturbi del sistema immunitario. Non noti: ipersensibilita' con sintomi di rash. Patologie gastrointestinali. Non noti: secchezza delle fauci. Disturbi del metabolismo e della nutrizione. Non noti: inappetenza. Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo. Non noti: debolezza muscolare. Patologie del sistema nervoso. Non noti: sonnolenza, cefalea e diminuzione delle secrezioni organiche (incluso diminuzione della sudorazione che causa febbre). Disturbi psichiatrici. Non noti: stato confusionale, allucinazione e eccitazione (agitazione). Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Non noti: arrossamento del volto. La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale e' importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Non sono noti effetti teratogenetici ed embriotossici dell'Atropina nell'uso oftalmico.