La tua posizione

Modena, MO

Cambia posizione

Cercafarmaco su smartphone Android e Apple
Se hai uno smartphone o un tablet cercafarmaco.it è disponibile anche sull'App Store Apple e sul Play Store Android, clicca sui link seguenti per scaricare l'app:

Inserisci Cercafarmaco sul tuo sito
Widget_cercafarmaco

Copia e incolla il codice html del box sotto sul tuo sito:

ANATETALL INIETTABILE 1 FIALA 0,5ML

Immagine non disponibile
Codice: 002238018 Codice EAN:
PREPARAZIONE INIETTABILE (vaccino tetanico adsorbito: 0,5000 ml 40 UI)
Codice ATC J07AM01 :
  • Antimicrobici generali per uso sistemico
  • Vaccini
  • Vaccini batterici
  • Vaccini tetanici
  • Anatossina tetanica

Produttore: GSK VACCINES Srl
Temperatura di conservazione: da +2 a +8 gradi
Forma farmaceutica: PREPARAZIONE INIETTABILE
Scadenza: 60 MESI
Confezionamento: SCATOLA
Prodotti simili

Scheda prodotto

DENOMINAZIONE

ANATETALL

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Vaccini batterici.

PRINCIPI ATTIVI

Anatossina tetanica purificata, non meno di 40 UI, e alluminio idrossido (adsorbente) 1,5 mg per dose da 0,5 ml.

ECCIPIENTI

Sodio cloruro; acqua per preparazioni iniettabili; formaldeide in quantita' non superiore a 0,001 mg (residuo del processo produttivo).

INDICAZIONI

Immunizzazione attiva primaria contro il tetano nei bambini e negli adulti; il vaccino e' indicato in tutti i soggetti che abbiano riportato ferite puntorie, ferite lacere o morsicature di animali, contaminatecon terriccio, polvere o feci animali e/o umane. La profilassi immunitaria antitetanica e' indicata anche in caso di ustioni e per qualsiasi lesione accompagnata da segni di mortificazione e necrosi dei tessuti.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Ipersensitivita' al principio attivo, a qualsiasi eccipiente o alla formaldeide; malattie febbrili o altre infezioni acute: la vaccinazionedeve essere, di norma, differita in caso di malattie febbrili acute; presenza di affezioni minori non febbrili, quali raffreddori ed altre infezioni minori delle vie aeree superiori, non costituisce controindicazione alla vaccinazione. Ugualmente non e' necessario rimandare la vaccinazione in soggetti sottoposti a trattamento con cortisonici per uso locale o per uso sistemico a basso dosaggio, e in caso di affezionicutanee quali dermatiti, eczemi o infezioni cutanee localizzate. Stati immunitari alterati: persone con alterazioni del sistema immunocompetente per effetto di trattamenti immunodepressori possono avere una risposta piu' bassa. Pertanto e' opportuno, a meno di diverse indicazioni d'urgenza, differire la vaccinazione finche' non sia trascorso almeno un mese dalla fine del trattamento. La condizione di sieropositivita' per HIV non costituisce di per se stessa una controindicazione alla vaccinazione. Allergie: manifestazioni di ipersensibilita' immediata, o reazioni di tipo neurologico in seguito alla somministrazione di vaccino, rappresentano controindicazione assoluta a ulteriori dosi dello stesso vaccino. Comunque non costituisce controindicazione il dato anamnestico di precedenti effetti indesiderati in sede locale.

POSOLOGIA

Vaccinazione dei nuovi nati e dei bambini di eta' inferiore a 7 anni:si consiglia l'impiego di vaccini contenenti in combinazione, oltre che l'anatossina tetanica e quella difterica (DT), anche la componente pertossica (DTP) o altri antigeni. La vaccinazione deve essere somministrata nel corso del primo anno di vita in tre dosi. La prima dose deve essere somministrata nel terzo mese di vita (a partire dall'ottava settimana); la seconda dose nel quinto mese di vita, e comunque non prima che siano trascorse sei settimane dalla prima; la terza dose in un periodo compreso tra l'undicesimo ed il dodicesimo mese di vita. La prima dose di richiamo di DT deve essere considerata parte integrante della vaccinazione primaria e deve essere somministrata a distanza di 4-5 anni dall'ultima dose. Le successive dosi di richiamo vanno somministrate ad intervalli di dieci anni. Vaccinazione di adulti e di bambinidi eta' superiore a 7 anni: la schedula vaccinale raccomandata prevede un ciclo di base di tre dosi di vaccino, ai tempi 0, 1 mese, 6-12 mesi e successive dosi di richiamo ogni 10 anni. Il prolungamento degli intervalli raccomandati tra le varie somministrazioni del ciclo di base non pregiudica, entro certi limiti, l'efficienza della risposta anticorpale. Non e' pertanto necessario ricominciare il ciclo primario qualora non siano trascorsi piu' di 12 mesi tra la prima e la seconda dose, e piu' di cinque anni tra la seconda e la terza. Per quanto riguarda le dosi di richiamo, queste potranno essere somministrate, senza necessita' di cominciare un nuovo ciclo, anche ad intervalli superiori a dieci anni. Trattamento dei traumatizzati: un'accurata pulizia chirurgica ed un'adeguata copertura antibiotica si impongono, qualunque sia lo stato vaccinale del soggetto. L'immunoprofilassi deve essere praticata attenendosi alle seguenti norme: i soggetti che abbiano ricevuto unciclo vaccinale primario completo e una o piu' dosi di richiamo non necessitano, a meno di un rischio di infezione particolarmente elevato,di ulteriori trattamenti se non sono trascorsi piu' di 5 anni dall'ultima dose; in soggetti che abbiano ricevuto l'ultima dose di richiamo da piu' di 5 anni, e' necessario somministrare una dose di questo prodotto o vaccino difterico-tetanico; le immunoglobuline specifiche antitetaniche non sono necessarie; in soggetti incompletamente vaccinati, oche abbiano ricevuto l'ultima dose di vaccino da piu' di dieci anni, e' raccomandata la contemporanea somministrazione, in siti di inoculo diversi e con siringa diversa, di immunoglobuline specifiche e di una dose di vaccino; in soggetti non vaccinati, o di cui non sia possibiledefinire lo stato vaccinale, il trattamento specifico prevede la contemporanea somministrazione di immunoglobuline e della prima dose di vaccino, con le modalita' sopra descritte. Il vaccino deve essere somministrato per via intramuscolare; non deve in alcun caso essere somministrato per via intravascolare.

CONSERVAZIONE

Conservare in frigorifero (2-8 gradi C). Non congelare.

AVVERTENZE

Prima di somministrare un qualsiasi vaccino devono essere adottate tutte le precauzioni utili a prevenire reazioni indesiderate ed e' necessario raccogliere l'anamnesi del soggetto con particolare attenzione all'eventuale comparsa di reazioni di ipersensibilita' a questo o ad altri vaccini. Come per ogni altro prodotto di natura biologica deve essere sempre possibile trattare adeguatamente una eventuale reazione di ipersensibilita'. Occorre, pertanto, la pronta disponibilita' di adrenalina 1:1000 e degli altri agenti utilizzati nella terapia delle reazioni immediate. In bambini con disturbi cerebrali o neurologici, oppurecon storia di convulsioni febbrili, il vaccino deve essere somministrato soltanto dopo una attenta valutazione dei benefici e dei rischi potenziali da parte del medico. Quando la serie di immunizzazione primaria viene effettuata in neonati molto prematuri (nati a 28 settimane digestazione o prima), ed in particolare per i neonati con una precedente storia di insufficienza respiratoria, si deve considerare il rischio potenziale di insorgenza di apnea e la necessita' di monitorare la respirazione per le 48-72 ore successive alla vaccinazione, particolarmente per i neonati con una precedente storia di insufficienza respiratoria. Poiche' il beneficio della vaccinazione in questo gruppo di neonati e' elevato, la vaccinazione non deve essere sospesa o rimandata. Informazione sulla protezione fornita dal vaccino: e' possibile che nonsi raggiunga una risposta immunitaria adeguata in tutti i vaccinati.

INTERAZIONI

La vaccinazione antitetanica e' compatibile con la esecuzione di altre pratiche immunitarie. Il vaccino puo' anche essere somministrato contemporaneamente alle immunoglobuline umane antitetaniche, purche' siano usate siringhe e sedi di inoculo differenti. Nei soggetti sottopostia trattamento con corticosteroidi ad alte dosi o immunodepressori la risposta immunitaria al vaccino puo' essere diminuita.

EFFETTI INDESIDERATI

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione. Molto comune: dolore in sede di iniezione, gonfiore in sede di vaccinazione, indurimento del sito di iniezione, malessere generale; comune: eritema in sede di iniezione. Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo. Molto comune: mialgia; comune: artralgia. Infezioni e infestazioni. Comune: laringite. Patologie del sistemanervoso. Molto comune: cefalea. Periodo post-marketing (frequenza nonnota). Patologie del sistema emolinfopoietico: trombocitopenia. Patologie gastrointestinali: diarrea, vomito. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione: malessere, febbre, linfoadenopatia in sede di iniezione, ascesso in sede di iniezione. Disturbidel sistema immunitario: orticaria, reazione allergica. Disturbi del metabolismo e della nutrizione: inappetenza. Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo: amiotrofia nevralgica. Patologie del sistema nervoso: sindrome di Guillain Barre', sonnolenza, neurite del plesso brachiale. Patologie psichiatriche: irritabilita'. Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche: apnea in bambini moltoprematuri (settimane di gestazione <= 28). Patologie della cute e deltessuto sottocutaneo: eruzione cutanea. La somministrazione di qualsiasi tipo di vaccino puo' causare reazioni di ipersensibilita' compresala reazione anafilattica, i cui sintomi caratteristici sono: ipotensione grave e improvvisa, accelerazione o rallentamento del battito cardiaco, stanchezza o debolezza insolite, ansia, agitazione, perdita di conoscenza, difficolta' della respirazione o della deglutizione, prurito (specialmente alla pianta dei piedi o al palmo delle mani), orticaria con o senza angioedema (aree cutanee gonfie e pruriginose localizzate piu' frequentemente alle estremita', ai genitali esterni e al viso, soprattutto nella regione degli occhi e delle labbra), arrossamento della cute (specialmente intorno alle orecchie), nausea, vomito, dolori addominali crampiformi, diarrea.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Non ci sono dati sull'uso del prodotto in donne in stato di gravidanza. Lo stato di gravidanza e l'allattamento non costituiscono controindicazione alla somministrazione del farmaco. Il vaccino e' espressamente raccomandato per le donne in gravidanza, ai fini della prevenzione del tetano neonatale. La vaccinazione puo' essere effettuata dall'inizio del quarto mese alla fine dell'ottavo mese di gestazione.