La tua posizione

Modena, MO

Cambia posizione

Cercafarmaco su smartphone Android e Apple
Se hai uno smartphone o un tablet cercafarmaco.it è disponibile anche sull'App Store Apple e sul Play Store Android, clicca sui link seguenti per scaricare l'app:

Inserisci Cercafarmaco sul tuo sito
Widget_cercafarmaco

Copia e incolla il codice html del box sotto sul tuo sito:

TIROIDE IBSA 25 COMPRESSE 74+21,4MCG

Immagine non disponibile
Codice: 005417062 Codice EAN:
25 COMPRESSE (levotiroxina sodica: 74 mcg, liotironina sodica: 21,4000 mcg)
Codice ATC H03AA03 :
  • Preparati ormonali sistemici,escl.ormoni sessuali e insuline
  • Terapia tiroidea
  • Preparati tiroidei
  • Ormoni tiroidei
  • Associazioni di levotiroxina e liotironina

Temperatura di conservazione: non superiore a +25 gradi
Forma farmaceutica: COMPRESSE
Scadenza: 18 MESI
Confezionamento: BLISTER
Prodotti simili

Scheda prodotto

DENOMINAZIONE

TIROIDE IBSA COMPRESSE

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Ormoni tiroidei.

PRINCIPI ATTIVI

19,54 mcg + 5,69 mcg compresse: ogni compressa contiene tetraiodotironina sodica (levotiroxina sodica) 19,54 mcg, triiodotironina sodica (liotironina sodica) 5,69 mcg. 74 mcg + 21,40 mcg compresse: ogni compressa contiene tetraiodotironina sodica (levotiroxina sodica) 74,0 mcg, triiodotironina sodica (liotironina sodica) 21,4 mcg.

ECCIPIENTI

Fosfato di calcio bibasico diidrato, sodio carbossimetilamido, magnesio stearato, cellulosa microcristallina.

INDICAZIONI

Mixedema, gozzo semplice, sindromi ipotiroidee spontanee (tiroiditi),sindromi iatrogene da exeresi totale della tiroide per carcinoma o per altre malattie.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Insufficienza surrenale. Ipertiroidismo. Tireotossicosi.

POSOLOGIA

19,54 mcg + 5,69 mcg compresse: 3-6 compresse al giorno. 74 mcg + 21,40 mcg compresse: 1-2 compresse al giorno secondo diversa prescrizionemedica. Modo di somministrazione: uso orale.

CONSERVAZIONE

Non conservare a temperatura superiore ai 25 gradi C.

AVVERTENZE

L'uso dei farmaci aventi attivita' ormonale sulla tiroide per il trattamento dell'obesita' e' pericoloso poiche' alle dosi necessarie puo' provocare reazioni secondarie di considerevole entita'. Poiche' in soggetti trattati con preparati tiroidei sono stati riportati rari casi di disfunzione epatica si raccomanda di ridurre il dosaggio o di sospendere il trattamento qualora, nel corso della terapia, comparissero febbre, debolezza muscolare o anormalita' dei test di laboratorio per la funzionalita' epatica. Da impiegare con molta cautela nelle malattie cardiovascolari per il rischio di insorgenza di angina o di insufficienza coronarica acuta, nell'ipertensione arteriosa, nell'ipogonadismo, nelle nefrosi e nei soggetti mixedematosi che sono particolarmente sensibili agli ormoni tiroidei. Gli ormoni tiroidei possono potenziare glieffetti degli agenti anticoagulanti. Contiene sodio. Da tenere in considerazione in persone che seguono una dieta a basso contenuto di sodio.

INTERAZIONI

Sono state ascritte molte interazioni tra gli ormoni tiroidei e numerosi farmaci. L'interazione di importanza piu' pratica la si riconosce con l'uso contemporaneo degli anticoagulanti; non si dimenticano pero'le interazioni con gli estrogeni, i barbiturici, gli antidiabetici e gli antidepressivi.

EFFETTI INDESIDERATI

Se la posologia non viene adattata alla sensibilita' individuale, possono comparire effetti secondari quali: sindromi di ipertiroidismo conirregolarita' mestruale, tensione nervosa, tachicardia, aritmie cardiache, insonnia, sintomi di angina pectoris, diarrea, dimagrimento eccessivo. In questi casi si rende necessario interrompere la cura o aggiustare opportunamente la posologia. Segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Gli ormoni tiroidei superano con difficolta' la barriera placentare esolo in minima quantita' vengono escreti nel latte materno. Pertanto l'uso del prodotto non e' controindicato nelle donne in stato di gravidanza, mentre durante l'allattamento i preparati tiroidei dovrebbero essere usati con cautela.