-> Informazioni

La tua posizione

Modena, MO

Cambia posizione

Cercafarmaco su smartphone Android e Apple
Se hai uno smartphone o un tablet cercafarmaco.it è disponibile anche sull'App Store Apple e sul Play Store Android, clicca sui link seguenti per scaricare l'app:

Inserisci Cercafarmaco sul tuo sito
Widget_cercafarmaco

Copia e incolla il codice html del box sotto sul tuo sito:

CITRATO ESPRESSO S.PELLEGR 40G

Farmaco di automedicazione
VENDITA SENZA RICETTA
Prezzo libero
Immagine non disponibile
Codice: 005540012 Codice EAN:
POLVERE PER SOSPENSIONE ORALE (magnesio idrossido: 40 g 7,1200 g)
Codice ATC A06AD :
  • Apparato gastrointestinale e metabolismo
  • Farmaci per la costipazione
  • Lassativi ad azione osmotica

Produttore: SANOFI SpA
Temperatura di conservazione: nessuna particolare condizione di conservazione
Forma farmaceutica: POLVERE PER SOSPENSIONE ORALE
Scadenza: 60 MESI
Confezionamento: FLACONE
Prodotti simili

Scheda prodotto

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Lassativo.

INDICAZIONI

Trattamento di breve durata della stitichezza occasionale.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Soggetti con dolore addominale acuto o di origine sconosciuta, nausea o vomito, ostruzione o stenosi intestinale, sanguinamento rettaledi origine sconosciuta, grave stato di disidratazione. Gravidanza e allattamento. Eta' pediatrica.

POSOLOGIA

Adulti: l'intero contenuto del flacone. Bambini: da un terzo a meta' dose, secondo l'eta' ed il peso corporeo. Versare il contenuto del flacone in un bicchiere e aggiungere una quantita' d'acqua pari al contenuto del flacone stesso e mescolare. La soluzione deve essere assunta ad effervescenza ultimata. La dose corretta e' quella minima sufficiente a produrre una facile evacuazione di feci molli. E' consigliabile usare inizialmente le dosi minime previste. Quando necessario, la dose puo' essere poi aumentata, ma senza mai superare quella massima indicata. Assumere preferibilmente la sera. I lassativi devono essere usati il meno frequentemente possibile e per non piu' di sette giorni.

AVVERTENZE

L'abuso di lassativi (uso frequente o prolungato o con dosi eccessive) puo' causare diarrea persistente con conseguente perdita di acqua, sali minerali (specialmente potassio) e altri fattori nutritivi essenziali. Nei casi piu' gravi e' possibile l'insorgenza di disidratazione oipopotassiemia la quale puo' determinare disfunzioni cardiache o neuromuscolari, specialmente in caso di contemporaneo trattamento con glicosidi cardiaci, diuretici o corticosteroidi. L'abuso di lassativi, specialmente quelli di contatto (lassativi stimolanti), puo' causare dipendenza (e, quindi, possibile necessita' di aumentare progressivamenteil dosaggio), stitichezza cronica e perdita delle normali funzioni intestinali (atonia intestinale). Il prodotto puo' interferire con la somministrazione contemporanea di tetracicline che puo' dar luogo alla formazione di complessi insolubili con conseguente riduzione dell'assorbimento e dell'attivita' di tali antibiotici. Non somministrare altri farmaci per via orale entro 1 o 2 ore dall'impiego del prodotto. Il prodotto contiene saccarosio e sali di sodio, di cio' si tenga conto in caso diabete o di affezioni che richiedono un regime dietetico iposodico. Non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione.

INTERAZIONI

I lassativi possono ridurre il tempo di permanenza nell'intestino, e quindi l'assorbimento, di altri farmaci somministrati contemporaneamente per via orale. Dopo aver preso un medicinale lasciare trascorrere un intervallo di almeno 2 ore prima di prendere il lassativo. In particolare deve essere evitata l'associazione contemporanea di tetracicline. Il latte o gli antiacidi possono modificare l'effetto del medicinale; lasciare trascorrere un intervallo di almeno un'ora prima di prendere il lassativo.

EFFETTI INDESIDERATI

Occasionalmente: dolori crampiformi isolati o coliche addominali, piu' frequenti nei casi di stitichezza grave.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Non esistono studi adeguati e ben controllati; pertanto il medicinaledeve essere usato solo in caso di necessita' dopo aver valutato il beneficio atteso per la madre in rapporto al possibile rischio per il feto o per il lattante.