Condividi:

CACIT 1000 30CPR EFF 1000MG

Produttore: THERAMEX ITALY SRL
FARMACO MUTUABILE
RICETTA MEDICA RIPETIBILE
Prezzo:

DENOMINAZIONE

CACIT

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Integratori minerali.

PRINCIPI ATTIVI

Carbonato di calcio 1.250 mg - 2.500 mg (equivalente a 500 mg - 1.000mg di calcio).

ECCIPIENTI

Acido citrico; ciclamato di sodio; saccarina sodica; aroma arancio (MK 500); giallo tramonto (E 110).

INDICAZIONI

Trattamento e prevenzione del deficit di calcio. Stati patologici in cui e' richiesta un'aumentata assunzione di calcio.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Pazienti che seguono una dieta che prevede un basso apporto di fosfati. Ipercalcemia e ipercalciuria. Litiasi calcica (calcoli renali).Insufficienza renale grave. In caso di immobilizzazione prolungata che si accompagni a ipercalcemia e/o ipercalciuria il trattamento calcico deve essere iniziato solo alla ripresa della mobilizzazione.

POSOLOGIA

Sciogliere la compressa effervescente in un bicchiere d'acqua e bere subito dopo la soluzione. Adulti: 1 g/die, cioe' una compressa al giorno della formulazione da 1000 mg. Popolazione pediatrica: 500 mg o 1 g/die, cioe' 1-2 compresse della formulazione da 500 mg al giorno, in funzione dell'eta'.

CONSERVAZIONE

Tenere il contenitore ben chiuso per proteggere il medicinale dall'umidita'.

AVVERTENZE

Si possono assumere altri medicinali tre ore prima o tre ore dopo la somministrazione di carbonato di calcio. Per la somministrazione di antibiotici tetraciclici e derivati chinolonici. Durante la terapia ad alti dosaggi e/o per periodi prolungati, e soprattutto durante il trattamento concomitante con vitamina D, diuretici tiazidici e/o medicinalio nutrienti contenenti calcio, vi e' il rischio di ipercalcemia con conseguente danno renale o sindrome da latte e alcali. Questo rischio riguarda anche le donne in gravidanza che stanno prendendo alte dosi dicalcio e i pazienti con danno renale. In questi pazienti devono essere monitorate la calcemia e la funzionalita' renale. I sali di calcio devono essere usati con cautela e solo quando indispensabili nei portatori di malattie renali e cardiovascolari. In caso di trattamenti prolungati, e' necessario controllare periodicamente la calcemia, i cui valori devono essere mantenuti entro valori di 9-10 mg%, e la calciuria ein funzione di questi, ridurre eventualmente la dose. Se la calcemia supera i valori indicati e se la calciuria supera 7,5 mmol/24 h (300 mg/24 h) nell'adulto e 0,12-0,15 mmol/kg/24 h (5-6 mg/kg/24 h) nel bambino, il trattamento deve essere interrotto. Il prodotto contiene: sodio; giallo tramonto (E 110); sorbitolo (contenuto nell'aroma arancio).

INTERAZIONI

La somministrazione contemporanea di carbonato di calcio ed altri medicinali puo' modificare il loro assorbimento. In caso di trattamento concomitante con tetraciclina per via orale, la somministrazione dei due farmaci deve essere distanziata di almeno 3 ore. In caso di trattamento concomitante con derivati chinolonici per via orale, la somministrazione dei due farmaci deve essere distanziata di almeno 2 ore. I diuretici tiazidici possono aumentare il rischio di ipercalcemia. Si raccomanda di non associare prodotti contenenti vitamina D; in caso contrario occorre effettuare regolarmente il dosaggio del calcio nel sangue enelle urine. In caso di trattamento concomitante con digitalici e' necessario un attento monitoraggio perche' possono verificarsi gravi disturbi della funzionalita' cardiaca. In caso di trattamento con prodotti a base di fluoruro di sodio e' consigliabile distanziare le somministrazioni.

EFFETTI INDESIDERATI

Disturbi del metabolismo e della nutrizione: ipercalcemia (in caso ditrattamento prolungato) con nausea, vomito, stipsi, dolori addominali, sete, poliuria, polidipsia, caratteristiche modificazioni del tracciato ECG, ipertensione arteriosa, turbe vasomotorie, ipofosfatemia, nellattante e nel bambino arresto dell'accrescimento stato-ponderale. Patologie gastrointestinali: costipazione, flatulenza, nausea. Segnalarequalsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Studi clinici indicano che durante la gravidanza e l'allattamento puo' aumentare il fabbisogno di calcio, pertanto la somministrazione di supplementi di calcio puo' risultare utile.

Codice: 027476023
Codice EAN:
Codice ATC: A12AA04
  • Apparato gastrointestinale e metabolismo
  • Integratori minerali
  • Calcio
  • Calcio carbonato
Temperatura di conservazione: al riparo dall'umidita'
Forma farmaceutica: COMPRESSE EFFERVESCENTI
Scadenza: 36 MESI
Confezionamento: FLACONE