Condividi:

EPALFEN EPS GRAT 15BUST 12G

Produttore: ZAMBON ITALIA SRL
FARMACO MUTUABILE
RICETTA MEDICA RIPETIBILE
Prezzo:

DENOMINAZIONE

EPALFEN EPS

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Farmaci per la costipazione.

PRINCIPI ATTIVI

Lattulosio.

ECCIPIENTI

Granulato per soluzione orale: acido citrico monoidrato, aroma pompelmo Dry. Sciroppo: sodio benzoato, acqua depurata q.b.a.

INDICAZIONI

Encefalopatia portosistemica (EPS); cirrosi epatica.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti del prodotto; soggetti con dolore addominale acuto di origine sconosciuta, nausea e vomito, ostruzione o stenosi intestinale, sanguinamento rettale di origine sconosciuta, grave stato di disidratazione; galattosemia.

POSOLOGIA

Sciroppo: da 90 a 190 ml pro die, in 2 o 3 somministrazioni. Bustine:da 60 a 120 g pro die, in 2 o 3 somministrazioni.

CONSERVAZIONE

Granulato per soluzione orale: conservare a temperatura non superiorea 30 gradi C. Sciroppo: nessuna particolare.

AVVERTENZE

L'abuso di lassativi (uso frequente o prolungato o a dosi eccessive) puo' causare diarrea persistente con conseguente perdita di acqua, sali minerali (specialmente potassio) e altri fattori nutritizi essenziali. Se la dose iniziale causa diarrea, e' necessario ridurre immediatamente il dosaggio; se la diarrea persiste interrompere l'assunzione. Non devono essere usati altri lassativi, specialmente durante la fase iniziale della terapia dell'encefalopatia portosistemica (EPS); l'effetto del loro impiego sulla consistenza delle feci potrebbe erroneamente suggerire il raggiungimento del dosaggio adeguato di lattulosio. Pur essendo il lattulosio uno zucchero scarsamente assorbibile e non metabolizzato, l'assunzione del medicinale da parte dei pazienti diabetici richiede la preventiva consultazione del medico, a causa della presenzadi altri zuccheri quali lattosio, galattosio e tagatosio. I pazienti con rari problemi di intolleranza ereditaria al galattosio, deficit diLapp lattasi o malassorbimento glucosio-galattosio non devono assumere questo medicinale. Un rischio teorico puo' esistere per i pazienti in trattamento con soluzioni di Lattulosio ai quali venga richiesto di sottoporsi a procedure di elettrocauterizzazione durante la rettoscopia o la colonscopia. L'accumulo di idrogeno gassoso in concentrazioni significative potrebbe determinare una reazione esplosiva in presenza di una scintilla elettrica. Anche se questa complicazione non e' stata riportata con il farmaco, e' opportuno che i pazienti in terapia con lattulosio sottoposti a tali procedure abbiano una idonea pulizia intestinale garantita dall'uso di una soluzione non fermentabile. Come ulteriore salvaguardia puo' essere condotta insufflazione di CO2, anche sequesta misura e' generalmente considerata ridondante. 10 mL di sciroppo contenono 1,88 mg di sodio.

INTERAZIONI

Interazioni farmaco-farmaco: la cosomministrazione di lattulosio con i derivati cumarinici acenocumarolo o fenprocumone determina un aumento significativo del rischio di sanguinamento in pazienti sottoposti a terapia anticoagulante profilattica. Agenti antibatterici a largo spettro ed antiacidi, somministrati per os contemporaneamente al lattulosio, possono ridurne la degradazione limitando la possibilita' di acidificazione del contenuto intestinale e, per conseguenza, l'efficacia terapeutica. Il farmaco puo' portare ad una aumentata tossicita' dei digitalici per deplezione potassica. I pazienti sottoposti a terapia digitalica devono consultare un medico prima di iniziare la terapia con lattulosio. E' possibile un effetto sinergico con la neomicina. I lassativi possono ridurre il tempo di permanenza nell'intestino e quindi l'assorbimento di altri farmaci somministrati contemporaneamente per via orale. Poiche' il lattulosio con il suo meccanismo d'azione determina la riduzione del pH intestinale, l'azione dei farmaci a rilascio pH- dipendente (come il 5-ASA) puo' essere ridotta.

EFFETTI INDESIDERATI

In seguito alla somministrazione di lattulosio sono state riportate le seguenti reazioni avverse la cui frequenza non puo' essere stimata in base ai dati disponibili. Disturbi del metabolismo e della nutrizione: ipocalemia, ipernatriemia, disidratazione. Patologie dell'apparato gastrointestinale: diarrea, flatulenza, meteorismo, nausea, vomito, crampi addominali. Se i sintomi non recedono spontaneamente dopo i primigiorni di trattamento è opportuna la riduzione della dose.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Gli studi condotti in topi, ratti e conigli a dosaggi di lattulosio da tre o sei volte superiori alla dose orale abitualmente impiegata nell'uomo non hanno evidenziato alcuna compromissione della fertilita', ne' danni a carico del feto. Tuttavia, non esistono studi adeguati e ben controllati sull'uso del medicinale in gravidanza. Pertanto il medicinale deve essere usato solo in caso di necessita', dopo aver valutatoil beneficio atteso per la madre in rapporto al possibile rischioper il feto. Non e' noto se il lattulosio e/o i suoi metaboliti vengano escreti nel latte materno. Non puo' essere quindi escluso un rischio peril lattante. Pertanto il medicinale deve essere usato solo in caso dinecessita', sotto il diretto controllo del medico, dopo aver valutatoil beneficio atteso per la madre in rapporto al possibile rischio peril lattante.

Codice: 024409120
Codice EAN:
Codice ATC: A06AD11
  • Apparato gastrointestinale e metabolismo
  • Farmaci per la costipazione
  • Lassativi ad azione osmotica
  • Lattulosio
Temperatura di conservazione: non conservare al di sopra di +30 gradi
Forma farmaceutica: GRANULATO PER SOLUZIONE ORALE
Scadenza: 36 MESI
Confezionamento: BUSTINA/BUSTA SINGOLA