Condividi:

INTRONA SOTTO CUTE IV 1 FLACONE 1MUI+F SOLV

Produttore: SCHERING PLOUGH SRL
FARMACO MUTUABILE
RICETTA MEDICA RIPETIBILE
Prezzo:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Proteina del sistema di difesa dell'organismo, attivo contro le infe-zioni e contro l'insorgenza di cloni cellulari neoplastici.Protegge le cellule dall'effetto citopatico di molti virus, controllala proliferazione cellulare, induce i macrofagi a fagocitare ed ucci-dere i microrganismi e favorisce l'immunita'umorale e cellulare.L'attivita'antiproliferativa e'particolarmente spiccata sulle celluletumorali.

INDICAZIONI

Neoplasie del sistema linfatico ed emopoietico:- leucemia a cellule capellute, mieloma multiplo, linfoma non Hodgkin, micosi fungoide, leucemia mieloide cronica.Neoplasie solide:- sarcoma di Kaposi nei pazienti affetti da AIDS;- melanoma maligno.Malattie virali:- epatite B, C, condilomi acuminati.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Epilessia e grave compromissione del S.N.C., gravidanza, allattamento.Cirrosi epatica scompensata. Epatite autoimmune, distiroidismi.

POSOLOGIA

Il medico deve determinare la dose esatta di IntronA da somministrarein accordo alle necessita' del paziente. La posologia varia in funzione della patologia trattata. Se il paziente si autosomministra IntronA, deve accertarsi che la dose prescritta sia chiaramente identificabile sulla confezione del farmaco. I dosaggi da somministrare 3 volte alla settimana, devono essere assunti a giorni alterni. La dose iniziale usuale per ogni patologia e' riportata di seguito, tuttavia le dosi individuali possono variare e il medico puo' cambiare in base alle specifiche necessita' del paziente. Epatite cronica B: da 5 a 10 milioni UI3 volte alla settimana (a giorni alterni) iniettati per via sottocutanea. Epatite cronica C: 3 milioni UI 3 volte alla settimana (a giorni alterni) iniettati per via sottocutanea. Leucemia a cellule capellute:2 milioni UI/m2, 3 volte alla settimana (a giorni alterni) iniettati per via sottocutanea. Leucemia mieloide cronica: 4-5 milioni UI/m2 al giorno iniettati per via sottocutanea. Mieloma multiplo: 3 milioni UI/m2, 3 volte alla settimana (a giorni alterni) iniettati per via sottocutanea. Linfoma follicolare: in aggiunta alla chemioterapia 5 milioni UI 3 volte alla settimana (a giorni alterni) iniettati per via sottocutanea). Tumore carcinoide: 5 milioni UI, 3 volte alla settimana (a giorni alterni) iniettati per via sottocutanea. Melanoma maligno: Terapiadi induzione: 20 milioni UI/m2, per via endovenosa, somministrati ogni giorno per 5 giorni alla settimana per un periodo di 4 settimane. Trattamento di mantenimento: 10 milioni UI/m2 3 volte alla settimana (a giorni alterni) iniettati per via sottocutanea. Il medico puo' prescrivere al paziente un differente dosaggio di IntronA sia in monoterapia sia in associazione ad altri medicinali (es. citarabina, ribavirina). Uso sottocutaneo: IntronA e' solitamente destinato all'uso sottocutaneo. Cio' significa che IntronA viene iniettato con un corto ago per iniezione nel tessuto adiposo sotto la pelle. Se il farmaco verra' autosomministrato dal paziente, gli saranno illustrati come prepararlo ed iniettarlo. Infusione endovenosa: L'infusione deve essere preparata immediatamente prima dell'uso. Ogni flaconcino di diverso dosaggio puo' essere utilizzato per la preparazione della dose richiesta; tuttavia la concentrazione finale di interferone nella soluzione di sodio cloruro non deve essere inferiore a 0,3 milioni UI/ml. La dose appropriata di IntronA e' prelevata dal flaconcino(i) aggiunta a 50 ml di soluzione di sodio cloruro 0,9 % in una sacca di PVC o in un flacone di vetro peruso endovenoso e somministrata in 20 minuti. NESSUN ALTRO FARMACO PUO' ESSERE INFUSO INSIEME AD INTRONA SOLUZIONE INIETTABILE. Frequenza della somministrazione. La dose di IntronA viene somministrata ad ogni giorno stabilito. IntronA e' somministrato sia giornalmente (5 o 7 volte alla settimana), o tre volte alla settimana a giorni alterni per esempio il lunedi', mercoledi' e venerdi'. Gli interferoni possono causare stanchezza inusuale; nel caso in cui il paziente si autosomministri il farmaco, e' necessario effettuare l'operazione al momento di andarea dormire.

INTERAZIONI

Ridotta clearance della teofillina.

EFFETTI INDESIDERATI

Sintomatologia pseudo-influenzale, nausea, vomito, diarrea, psicode-pressione, piastrinopenia (effetto mielodepressivo), ipotiroidismo,ipertiroidismo.

Codice: 034832016
Codice EAN:
Codice ATC: L03AB05
  • Farmaci antineoplastici ed immunomodulatori
  • Immunostimolanti
  • Interferoni
  • Interferone alfa-2b
Temperatura di conservazione: da +2 a +8 gradi
Forma farmaceutica: PREPARAZIONE INIETTABILE
Scadenza: 36 MESI
Confezionamento: SCATOLA