Condividi:

LOSALEN UNG 30G 0,02%+3%

Produttore: AMDIPHARM LTD
FARMACO DI CLASSE C
RICETTA MEDICA RIPETIBILE
Prezzo:

DENOMINAZIONE

LOSALEN 0,2% + 3% UNGUENTO

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Dermatologici, corticosteroidi e antisettici in associazione.

PRINCIPI ATTIVI

100 g di unguento contengono: flumetasone pivalato 0,02 g; acido salicilico 3 g.

ECCIPIENTI

Glicole propilenico, lanolina, vaselina.

INDICAZIONI

Trattamento delle dermatosi infiammatorie e/o displastiche, siano esse acute non secernenti, subacute o croniche, complicate o no da sovrainfezioni microbiche e micotiche. Oltre che nelle affezioni dermatologiche (in genere piuttosto resistenti ai comuni trattamenti topici) quali la psoriasi, il lichen, l'eritematode cronico, la pustolosi palmo-plantare, Losalen trova impiego nella terapia degli eczemi di ogni tipo e natura e precisamente negli eczemi e nelle dermatiti da contatto professionali (delle casalinghe, dei muratori, dei verniciatori, dei meccanici), negli eczemi tilotici ed in quelli costituzionali. Esso e' inoltre attivo nelle neurodermiti, nel lichen simplex di Vidal, nell'ittiosi, nelle disidrosi e, in genere, nelle affezioni ipercheratosiche.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Ipersensibilita' ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Infezioni cutanee batteriche (ad es. pioderma), infezioni virali cutanee (ad es. varicella, eruzioni cutanee dopo vaccinazione, herpes simplex, herpes zoster), malattie cutanee micotiche, malattie cutanee sifilitiche, tubercolosi cutanea, rosacea, dermatite periorale, acne volgare. Il prodotto non e' per uso oftalmico. Non deve essere usato in stadi di lacrimazione acuta a causa del rischio di essudazione e non deve essere applicato sulle mucose. La terapia occlusiva e' controindicata in soggetti con dermatite atopica.

POSOLOGIA

Adulti: applicare sulle lesioni una o due volte al giorno senza bendaggio occlusivo. In caso di bendaggio occlusivo applicarlo una volta algiorno. Modo di somministrazione: se si adotta la tecnica del bendaggio occlusivo, poiche' esso puo' favorire l'assorbimento dei componenticon conseguente possibile comparsa di effetti sistemici, e' consigliabile, nei casi di lesioni estese, trattarne una parte per volta; in tal modo possono anche evitarsi eventuali alterazioni della omeostasi termica che si manifestano con un aumento della temperatura corporea, richiedente, ove si verifichi, l'interruzione del trattamento. Le pellicole di plastica adesive trasparenti sono infiammabili e possono provocare fenomeni individuali di sensibilizzazione che rendono necessaria la sostituzione del materiale utilizzato. Insufficienza renale In pazienti con grave insufficienza renale evitare l'applicazione ripetuta su una superficie cutanea molto estesa, per evitare l'assorbimento dei due principi attivi. Bambini (eta' inferiore a 2 anni): non e' adatto per il trattamento di malattie della pelle nei neonati e nella prima infanzia. Bambini e adolescenti (2- 17 anni): la sicurezza e l'efficacia nei bambini non sono ancora state stabilite.

CONSERVAZIONE

Non conservare a temperatura superiore ai 25 gradi C.

AVVERTENZE

Bendaggio occlusivo: se si adotta la tecnica del bendaggio occlusivo,esso puo' favorire l'assorbimento dei componenti con conseguente possibile comparsa di effetti sistemici. Pertanto, e' consigliabile, nei casi di lesioni estese, trattarne una parte per volta. Le pellicole di plastica sono infiammabili e possono provocare fenomeni individuali disensibilizzazione che rendono necessaria la sostituzione del materiale utilizzato. In caso di applicazione di grandi quantitativi di Losalen su zone cutanee estese o in caso di bendaggio occlusivo, il pazientedeve essere sottoposto a stretto controllo medico. L'applicazione conbendaggio occlusivo deve avere una durata limitata con applicazione su piccole zone di pelle lesa. Il trattamento a lungo termine, in particolare sulla pelle del viso deve essere evitato, indipendentemente dall'eta' del paziente. Essendo stata segnalata una moderata diminuzione della funzionalita' adrenocorticale, e' necessario tenere presente la possibilita' di effetti sistemici indesiderati (ad es. sindrome di Cushing), soprattutto se si usa il preparato su ampie zone e/o con bendaggio occlusivo. Se si somministra in presenza di infezioni cutanee, istituire una adeguata terapia antibatterica o antifungina e, in caso di insuccesso di questa, interrompere il trattamento corticosteroideo. Iltrattamento della psoriasi con corticosteroidi puo' essere associato a recidive con effetto rebound (tipicamente in caso di interruzione improvvisa), sviluppo di tolleranza e psoriasi pustolosa generalizzata. Per l'uso nella psoriasi, e' necessario un accurato controllo del paziente. L'impiego, specie se prolungato, dei prodotti per uso topico, puo' dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. In pazienti con graveinsufficienza renale, va somministrato solo nei casi di effettiva necessita', evitando applicazioni ripetute su una superficie cutanea estesa, poiche' l'assorbimento transcutaneo di acido salicilico potrebbe dare origine ad effetti sistemici. L'uso eccessivamente prolungato di preparati topici contenenti acido salicilico puo' causare sintomi di salicilismo. In pazienti con insufficienza renale in trattamento topico con acido salicilico e' stata segnalata ipoglicemia. Possono essere riferiti disturbi visivi. Se un paziente si presenta con sintomi come visione offuscata o altri disturbi visivi, e' necessario considerare il rinvio a un oculista per la valutazione delle possibili cause che possono includere cataratta, glaucoma o malattie rare come la corioretinopatia sierosa centrale (CSCR), che sono state segnalate dopo l'uso di corticosteroidi sistemici e topici. Il trattamento deve essere interrotto in caso di grave irritazione o sensibilizzazione. Contiene glicole propilenico. Puo' causare irritazione cutanea.

INTERAZIONI

Non sono stati sino ad ora segnalati effetti secondari dovuti ad interazione o ad incompatibilita' tra il prodotto e altri farmaci.

EFFETTI INDESIDERATI

Infezioni e infestazioni: infezioni secondarie a causa di riduzione della resistenza locale alle infezioni. Patologie endocrine Sindrome diCushing, soppressione surrenalica. Patologie della cute e del tessutosottocutaneo: atrofia cutanea, dermatite allergica, alterazioni dellapigmentazione cutanea, dermatite periorale, follicolite, ipertricosi,secchezza cutanea. In particolare dopo applicazione per periodi di tempo prolungati su superfici estese e con bendaggio occlusivo o in zonein cui la pelle e' molto permeabile (ad es. viso e ascelle), i glucocorticoidi possono anche causare l'insorgenza di: strie cutanee, telangectasie, porpora, acne. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione: irritazioni, bruciore, prurito, eruzioni, dermatite nel sito di applicazione. Ritardata guarigione delle ferite.Non comune (>=1/1000 a <1/100). Patologie dell'occhio: visione offuscata. Segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Sono disponibili solo informazioni limitate sull'uso in gravidanza. Nelle donne in stato di gravidanza il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessita', valutando attentamente il rapporto benefico-rischio. Tuttavia, l'uso in grandi quantita' su superfici cutanee estese, (soprattutto con bendaggio occlusivo) o per periodi prolungati deve essere evitato in gravidanza. Non e' noto se le sostanze attive di Losalen e/o i rispettivi metaboliti passano nel latte materno in caso di applicazione topica del prodotto. L'uso non e' raccomandato durantel'allattamento. Non sono stati condotti studi sulla fertilita'.

Codice: 022295012
Codice EAN:
Codice ATC: D07XB01
  • Dermatologici
  • Corticosteroidi, preparati dermatologici
  • Corticosteroidi, altre associazioni
  • Corticosteroidi moderatamente attivi, altre associazioni
  • Flumetasone
Temperatura di conservazione: non superiore a +25 gradi
Forma farmaceutica: UNGUENTO DERMATOLOGICO
Scadenza: 60 MESI
Confezionamento: TUBETTO