Condividi:

NORADRENALINA TARTR 5F 2MG 1ML

Produttore: MONICO SPA
FARMACO DI CLASSE C
RICETTA MEDICA RIPETIBILE
Prezzo:

DENOMINAZIONE

NORADRENALINA TARTRATO MONICO 2 MG/ML CONCENTRATO PER SOLUZIONE PER INFUSIONE

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Agenti adrenergici e dopaminergici, noradrenalina.

PRINCIPI ATTIVI

Una fiala contiene: noradrenalina tartrato acido 2 mg.

ECCIPIENTI

Ogni fiala contiene: sodio cloruro 8 mg, sodio metabisolfito 1 mg, acqua per preparazioni iniettabili q.b. a 1 ml.

INDICAZIONI

Rianimazione del paziente in arresto cardiaco. Trattamento dell'ipotensione acuta, che persiste anche dopo adeguato ripristino del volume ematico.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Ipotensione causata da ipovolemia, generalmente controindicata ingravidanza e allattamento.

POSOLOGIA

La noradrenalina deve essere diluita in una soluzione di glucosio al 5% in acqua o in soluzione fisiologica (sodio cloruro 0,9%) perche' tali soluzioni proteggono contro l'eccessiva ossidazione e la conseguente perdita di potenza. E' sconsigliata la diluizione con la soluzione salina da sola. La dose iniziale di noradrenalina e' di 8-12 mcg/min per infusione endovenosa. E' necessario aggiustare la velocita' di flusso per stabilire e mantenere una pressione sanguigna normale (sistolica80-100 mmHg). La dose usuale di mantenimento comprende un intervallo da 2 a 4 mcg /minuto. Possono essere necessarie dosi giornaliere fino a 68 mg. Prima della somministrazione della noradrenalina si deve correggere la deplezione del volume sanguigno nel modo piu' completo possibile. Quando, come misura di emergenza, la pressione intraaortica deveessere mantenuta per prevenire un'ischemia arteriosa cerebrale o coronarica, la noradrenalina puo' essere somministrata prima o in concomitanza al ripristino del volume sanguigno. Eventuali trasfusioni di sangue intero o plasma, se indicati per aumentare il volume sanguigno, devono essere somministrate separatamente dalla soluzione contenente noradrenalina (per esempio, usando un tubo a Y e contenitori separati se somministrati simultaneamente.). Pazienti anziani: studi clinici sulla noradrenalina non includono un numero sufficiente di soggetti con eta'>=65 anni per determinare se rispondono in maniera differente dai pazienti piu' giovani. Altre esperienze cliniche non hanno identificato una differenza nella risposta tra pazienti anziani e giovani. In generale, bisogna scegliere con cautela la dose per l'anziano, di solito partendo dalla piu' bassa dose nell'intervallo di dosaggio. Negli anziani l'infusione di noradrenalina non deve essere effettuata nelle vene delle gambe. Non c'e' esperienza sull'uso della noradrenalina nei bambini.

CONSERVAZIONE

Conservare a temperatura inferiore a 15 gradi C. Non congelare. Conservare nella confezione originale per proteggere dalla luce. Non usare la soluzione di noradrenalina se il suo colore e' brunastro o se contiene un precipitato. Evitare il contatto con sali di ferro, alcali od agenti ossidanti. Tenere la fiala nell'imballaggio esterno per proteggerla dalla luce.

AVVERTENZE

Fare particolare attenzione in caso di: terapia concomitante con antidepressivi triciclici o IMAO; anestetici come alotano o ciclopropano, a causa del rischio di provocare tachicardia o fibrillazione ventricolare; trombosi vascolare periferica e mesenterica, a causa del rischio di aumentata ischemia e estensione dell'area di infarto a meno che la somministrazione di noradrenalina sia necessaria per una procedura salva-vita; ipossia profonda o ipercarbia, a causa del rischio di provocare tachicardia o fibrillazione ventricolare; allergia ai solfiti (soprattutto nei pazienti asmatici); quando possibile, l'infusione di noradrenalina deve essere effettuata in vene di grande calibro, in particolare nella zona antecubitale, perche', quando somministrata in questa zona, il rischio di necrosi tissutale e' apparentemente minimo. La venafemorale sembra essere un altro accettabile sito di infusione. L'uso di un catetere, se possibile, deve essere evitato poiche' l'ostruzioneal flusso sanguigno intorno al tubo puo' causare stasi e aumento della concentrazione locale del farmaco. Nei pazienti anziani e nei pazienti con malattie vascolari occlusive (aterosclerosi, arteriosclerosi, endoarterite diabetica, malattia di Buerger) si devono evitare le vene della gamba come sito di infusione. In tali pazienti, infatti, sono stati riportati casi di gangrena nell'estremita' bassa quando l'infusione di noradrenalina era fatta a livello di una vena della caviglia. Il sito di infusione deve essere controllato frequentemente. Deve essere fatta attenzione per evitare stravasi di noradrenalina nei tessuti, inquanto puo' insorgere necrosi tissutale a causa dell'azione vasocostrittrice del farmaco. Un impallidimento nel corso dell'infusione, talvolta senza un evidente stravaso, e' stato attribuito ad una costrizionedei vasi con un aumento della permeabilita' del letto venoso, permettendo qualche fuoriuscita. Questo puo' anche portare in rari casi ad una perdita di tessuto, in particolare durante l'infusione nelle vene delle gambe in pazienti anziani o in quelli che soffrono di patologie vascolari obliteranti. Quindi, se si verifica un impallidimento, deve essere preso in considerazione il cambio del sito di infusione. Il medicinale contiene sodio metabisolfito: tale sostanza puo' determinare in soggetti sensibili, e particolarmente negli asmatici, relazioni di tipo allergico ed attacchi asmatici gravi. La presenza di un solfito in questo medicinale non deve impedire la somministrazione del farmaco peril trattamento di reazioni allergiche gravi o situazioni di emergenza. Per chi svolge attivita' sportiva: l'uso del medicinale senza necessita' terapeutica costituisce doping e puo' determinare comunque positivita' ai test antidoping.

INTERAZIONI

La noradrenalina non deve essere somministrata contemporaneamente a: anestetici come ciclopropano e alotano, possono aumentare l'eccitabilita' cardiaca che puo' determinare tachicardia ventricolare o fibrillazione; antidepressivi triciclici, possono potenziare gli effetti della noradrenalina causando ipertensione, aritmie cardiache e tachicardia. Se e' necessario somministrare insieme questi farmaci, deve essere effettuato un attento monitoraggio e deve essere ridotta la dose di noradrenalina. I pazienti devono informare il loro medico o dentista che stanno assumendo farmaci antidepressivi triciclici prima di qualsiasi intervento o procedura medica; antidepressivi IMAO e altri inibitori delle MAO, possono aumentare l'effetto ipertensivo per riduzione del metabolismo simpaticomimetico. E' necessario monitorare i pazienti per la possibilita' di sviluppo di una crisi ipertensiva. In questo caso e' necessario sospendere immediatamente il trattamento con il farmaco ed iniziare una terapia ipotensiva. Nitroprussiato, nitroglicerina, fentolamina e labetalolo sono tra i farmaci piu' usati; neurolettici: possono diminuire l'efficacia della noradrenalina. Se e' necessario somministrare insieme questi farmaci e' necessario un aggiustamento della dosedi noradrenalina per mantenere o raggiungere l'effetto terapeutico atteso. Si raccomanda di tenere monitorata la pressione sanguigna; diidroergotamina, si puo' avere un estremo aumento della pressione; antibiotici (linezolid), si puo' avere uno scatenamento o il peggioramento dicrisi ipertensiva. Pertanto e' necessario ridurre la dose di noradrenalina ed aggiustarla per raggiungere l'effetto desiderato; inibitori delle COMT (entacapone), possono aumentare tachicardia, ipertensione e aritmia. Pertanto e' necessario monitorare accuratamente i pazienti; guanetidina, puo' determinare un aumento della pressione e rischio di aritmie. La noradrenalina non deve essere somministrata per via endovenosa insieme a: antibiotici tamponati basici. La noradrenalina e' labile in ambiente alcalino ed e' necessario esercitare cautela nelle preparazioni quando si raggiunge un pH finale maggiore di 6; cefamandolo, cefoxitina, moxalactam, nitrofurantoina, secobarbital, fenobarbital, tiopentale.

EFFETTI INDESIDERATI

Patologie cardiache: edema polmonare, ipertensione, emorragia cerebrale, bradicardia riflessa, aritmie, dolore anginoso, palpitazioni, arresto cardiaco e morte improvvisa. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo: necrosi tissutale in seguito a stravaso di noradrenalina. Se tale evenienza si verifica, si deve effettuare un'infiltrazione con10-15 ml di soluzione salina contenenti da 5 a 10 mg di fentolamina per tentare di prevenire la necrosi tissutale e la perdita di tessuto. Disturbi del metabolismo e della nutrizione: il metabolismo glucidico puo' essere alterato in seguito all'utilizzo di farmaci simpaticomimetici, come la noradrenalina. Patologie gastrointestinali: nausea, vomito e ipersalivazione. Patologie del sistema emolinfopoietico: trombosi causata da aggregazione piastrinica indotta dalle catecolamine. Patologie del sistema nervoso: paura, ansia, agitazione, tremore, insonnia, confusione, irritabilita', debolezza e psicosi. Patologie renali ed urinarie: diminuzione della clearance della creatinina e dell'insulina. Difficolta' nella minzione e ritenzione urinaria. Patologie respiratore, toraciche e mediastiniche: difficolta' respiratorie. Sovradosaggi odosi convenzionali di farmaco in persone ipersensibili (es. pazienti ipertiroidei) causano un'ipertensione importante con forti mal di testa, fotofobia, dolore retro sternale acuto, pallore, sudorazione intensa e vomito.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Gli studi animali sono insufficienti per evidenziare gli effetti sulla gravidanza e sullo sviluppo fetale. Il rischio potenziale per gli esseri umani non e' noto. La noradrenalina non deve essere usata durantela gravidanza, se non in caso di assoluta necessita'. Nella valutazione del rapporto rischio/beneficio occorre considerare che la noradrenalina e' usata come salvavita nelle emergenze cardiache. La noradrenalina puo' ridurre la perfusione placentare provocando bradicardia fetale. La noradrenalina attraversa facilmente la placenta e puo' stimolare le contrazioni uterine o diminuire il flusso sanguigno causando ipossia fetale. Non e' noto se la noradrenalina sia escreta nel latte materno e non sono noti i potenziali effetti avversi che si verificherebberonel neonato in seguito all'esposizione al farmaco. Non e' noto se la noradrenalina influisca sulla quantita' o sulla composizione del lattematerno. Fin quando non saranno disponibili ulteriori dati, e' necessario utilizzare cautela quando si usa la noradrenalina in donne che stanno allattando.

Codice: 030799011
Codice EAN:
Codice ATC: C01CA03
  • Sistema cardiovascolare
  • Terapia cardiaca
  • Stimolanti cardiaci, esclusi i glicosidi cardiaci
  • Adrenergici e dopaminergici
  • Norepinefrina
Temperatura di conservazione: non superiore a +25 gradi, al riparo dalla luce e non congelare
Forma farmaceutica: CONCENTRATO PER SOLUZIONE PER INFUSIONE
Scadenza: 24 MESI
Confezionamento: FIALA