Condividi:

PROVERTIN UM TIM3 IV FLACONE 200UI

Produttore: BAXTER SPA
FARMACO OSPEDALIERO
USO OSPEDALIERO
Prezzo:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Concentrato di fattore della coagulazione.

INDICAZIONI

Il campo di applicazione comprende tutte le emorragie causate da disturbi congeniti o acquisiti della coagulazione dovuti esclusivamente o in parte ad una carenza del Fattore VII.Disturbi congeniti della coaguglazione con carenza di fattore VII. I pazienti affetti da ipo- o a-proconvertinemia (carenza del fattore VII) necessitano la sostituzione del fattore VII carente nelle seguenti condizioni: emorragie spontanee o traumatiche; interventi chirurgici. In caso di carenza congenita di fattore VII la somministrazione e' sufficiente a normalizzare il quadro della coagulazione.Disturbi acquisiti della coagulazione con carenza di fattore VII. Questi comprendono malattie epatiche acute e croniche, come pure l'ingestione accidentale od a scopo suicida di anticoagulanti orali. Per entrambi i gruppi possiamo riportare le seguenti indicazioni: biopsia od interventi chirurgici; emorragie spontanee o traumatiche; coma epatico. Nelle carenze acquisite di fattore VII una normalizzazione del quadro emorragico puo' essere sicuramente raggiunta soltanto mediante la somministrazione combinata del Provertin-UM TIM 3 e di Protromplex TIM 3; comunque bisogna ricordare che la dose del Provertin-UM TIM 3 deve risultare doppia di quella del Protromplex TIM 3 a causa del diverso tempo di emivita. L'efficacia della terapia sostitutiva con il Provertin-UM TIM 3 o con Protromplex TIM 3 associato al Provertin-UM TIM 3 viene controllata mediante il tempo di tromboplastina (test di Quick) o piu'esattamente con il Thrombotest ed il Normotest. La ricerca quantitativa viene eseguita mediante determinazione dell'attivita' del fattore VII. Una diminuzione del fattore V che si verifica soltanto nelle malattie epatiche parenchimatose gravi non viene normalizzata dal trattamento combinato di Protromplex TIM 3 e Provertin-UM TIM 3.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Coagulopatia da consumo (DIC) e/o iperfibrinolisi senza previa interruzione di tali processi.L'innocuita' del Provertin UM TIM 3 somministrato durante la gravidanza non e' stata dimostrata nell'ambito di studi clinici controllati. Pertanto, durante la gravidanza e il periodo di allattamento il Provertin UM TIM 3 deve essere somministrato solo se ritenuto necessario.

POSOLOGIA

Il dosaggio puo' essere suggerito soltanto in linea generale. Esso infatti dipende dalla gravita' del difetto coagulatorio, dalla gravita' del danno tissutale traumatico od emorragico come pure dal grado dell'intervento chirurgico programmato. In linea di massima per calcolare la dose necessaria per determinati aumenti di attivita' si puo' utilizzare il seguente parametro: aumento di attivita' desiderato (%) X Peso corporeo (Kg)/1,5 = Dose di mantenimento di unita' di fattore VII. La terapia sostitutiva di mantenimento deve essere protratta in modo costante fino all'assorbimento completo dell'emorragia tissutale o fino alla guarigione completa delle ferite. Essa deve essere controllata mediante la ripetuta esecuzione dei tests della coagulazione. Per il trattamento delle diatesi emorragiche acquisite che implicano non solo una diminuzione del fattore VII, ma anche dei fattori II, IX e X del complesso protrombinico, si raccomanda la somministrazione combinata di Protromplex TIM 3 (contenente i fattori II, IX e X) e del Provertin-UM TIM 3. Nel caso di pazienti che devono sottoporsi ad una biopsia e o ad un intervento chirurgico, il livello di fattore VII deve essere elevato al 50% per alcuni giorni. Questo si puo' controllare mediante il tempo di tromboplastina (test di Quick) o con il Normotest. Ricostituzione del liofilizzato. Il Provertin UM TIM 3 deve essere ricostituito solo immediatamente prima della somministrazione. Un eventuale residuo non deve essere riutilizzato. Somministrare la soluzione lentamente (nonoltre 2 ml/min.) per via endovenosa. Qualora la soluzione venga somministrata con set da infusione, e' indispensabile che esso sia munito di filtro.

INTERAZIONI

Ad oggi non si conoscono interazioni farmacologiche con altri medicinali.

EFFETTI INDESIDERATI

La terapia raramente comporta degli effetti collaterali. Si possono comunque verificare le seguenti reazioni: 1) La somministrazione di plasmaderivati umani puo' provocare leggere forme di esantema come pure gravi reazioni anafilattoidi. Qualora si manifestino tali reazioni bisogna interrompere immediatamente la somministrazione. Le reazioni allergiche vengono controllate con glucocorticoidi o antistamiminici. Le gravi reazioni anafilattoidi vengono trattate seguendo una normale shock-terapia. 2) Allo stato attuale delle conoscenze scientifiche e tecnologiche non e' possibile escludere con assoluta certezza il rischio di trasmissione di virus (sia conosciuti o ad oggi sconosciuti) per mezzodi concentrati ottenuti da plasma umano. Nel corso di studi clinici condotti con il Provertin-UM TIM 3, trattato secondo il metodo in oggetto, non e' stata riscontrata alcuna infezione da epatite B o NANB. La trasmissione del virus HIV e' esclusa con assoluta certezza. 3) L'impiego terapeutico di sangue intero o plasmaderivati puo' provocare la comparsa in circolo di un inibitore. Il momento della formazione di taleinibitore non e' prevedibile e non dipende ne' dalla quantita' del preeparato plasmatico somministrato ne' dalla frequenza delle somministrazioni. Secondo le esperienze attuali i corticosteroidi o le sostanze immuno-soppressive non mostrano apprezzabile efficacia verso la formazione di tali inibitori.

Codice: 024748030
Codice EAN:
Codice ATC: B02BD05
  • Sangue ed organi emopoietici
  • Antiemorragici
  • Vitamina k ed altri emostatici
  • Fattori della coagulazione del sangue
  • Fattore vii di coagulazione
Temperatura di conservazione: da +2 a +8 gradi
Forma farmaceutica: PREPARAZIONE INIETTABILE
Scadenza: 18 MESI
Confezionamento: SCATOLA