Condividi:

REMICADE EV 1FL 100MG

Produttore: MSD ITALIA SRL
FARMACO OSPEDALIERO
RICETTA LIMITATIVA
Prezzo:

DENOMINAZIONE

REMICADE 100 MG POLVERE PER CONCENTRATO PER SOLUZIONE PER INFUSIONE

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Immunosoppressori, inibitori del fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-alfa).

PRINCIPI ATTIVI

Ogni flaconcino contiene 100 mg di infliximab. Infliximab e' un anticorpo monoclonale umano-murino chimerico IgG1 prodotto in cellule di ibridoma murino con tecnologia DNA ricombinante. Dopo ricostituzione, ogni ml contiene 10 mg di infliximab.

ECCIPIENTI

Saccarosio. Polisorbato 80. Sodio fosfato monobasico. Sodio fosfato dibasico.

INDICAZIONI

Artrite reumatoide. Il farmaco, in associazione con metotrexato, e' indicato per la riduzione dei segni e dei sintomi e il miglioramento della funzione fisica in: pazienti adulti con malattia in fase attiva quando la risposta ai medicinali anti-reumatici che modificano la malattia (DMARDs disease-modifying anti-rheumatic drugs), incluso il metotrexato, sia stata inadeguata; pazienti adulti con malattia severa, in fase attiva e progressiva non trattata precedentemente con metotrexato oaltri DMARDs. In questa popolazione di pazienti e' stato dimostrato, mediante valutazione radiografica, una riduzione del tasso di progressione del danno articolare. Malattia di Crohn negli adulti. Il farmaco e' indicato per: il trattamento della malattia di Crohn in fase attiva, di grado da moderato a severo, in pazienti adulti che non abbiano risposto nonostante un trattamento completo ed adeguato con corticosteroidi e/o immunosoppressori; o in pazienti che non tollerano o che presentano controindicazioni mediche per le suddette terapie; il trattamento della malattia di Crohn fistolizzante in fase attiva, in pazienti adulti che non abbiano risposto nonostante un ciclo di terapia completo ed adeguato con trattamento convenzionale (inclusi antibiotici, drenaggio e terapia immunosoppressiva). Malattia di Crohn nei bambini. Il farmaco e' indicato per il trattamento della malattia di Crohn in fase attiva severa, nei bambini e negli adolescenti di eta' compresa tra 6 e17 anni che non hanno risposto alla terapia convenzionale con un corticosteroide, un immunomodulatore e una primaria terapia nutrizionale oin pazienti che non tollerano o che presentano controindicazioni per le suddette terapie. Il farmaco e' stato studiato solo in associazionecon la terapia immunosoppressiva convenzionale. Colite ulcerosa. Il farmaco e' indicato per il trattamento della colite ulcerosa in fase attiva, di grado da moderato a severo, in pazienti adulti che non hanno risposto in modo adeguato alla terapia convenzionale inclusi corticosteroidi e 6-mercaptopurina (6-MP) o azatioprina (AZA), o che risultano intolleranti o per cui esista una controindicazione medica a queste terapie. Colite ulcerosa pediatrica. Il farmaco e' indicato per il trattamento della colite ulcerosa in fase attiva di grado severo, in bambini e adolescenti da 6 a 17 anni di eta', che non hanno risposto in modoadeguato alla terapia convenzionale inclusi corticosteroidi e 6-MP o AZA, o che risultano intolleranti o per cui esista una controindicazione medica a queste terapie. Spondilite anchilosante. Il farmaco e' indicato per il trattamento della spondilite anchilosante severa in fase attiva in pazienti adulti che non hanno risposto in modo adeguato alleterapie convenzionali. Artrite psoriasica. Il farmaco e' indicato peril trattamento dell'artrite psoriasica attiva e progressiva in pazienti adulti qualora sia stata inadeguata la risposta a precedenti trattamenti con DMARD. Il farmaco deve essere somministrato: in associazionecon metotrexato; o singolarmente in pazienti che risultano intolleranti al metotrexato o per i quali esso sia controindicato Remicade ha mostrato di migliorare la funzione fisica in pazienti con artrite psoriasica e di ridurre il tasso di progressione del danno alle articolazioni periferiche, misurato con i raggi X in pazienti con sottotipi simmetrici poliarticolari della malattia. Psoriasi. Il farmaco e' indicato per il trattamento della psoriasi a placche di grado da moderato a severo nei pazienti adulti che non hanno risposto o per i quali siano controindicati o che sono risultati intolleranti ad altri trattamenti sistemici inclusi la ciclosporina, il metotrexato o PUVA.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Ipersensibilita' al principio attivo, ad altre proteine murine, o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Pazienti con tubercolosi o altre infezioni severe quali sepsi, ascessi, e infezioni opportunistiche. Pazienti con insufficienza cardiaca da moderata a severa (Classe III/IV NYHA - New York Heart Association -).

POSOLOGIA

Il trattamento deve essere iniziato e supervisionato da medici specialisti esperti nella diagnosi e nel trattamento dell'artrite reumatoide, delle malattie infiammatorie intestinali, della spondilite anchilosante, dell'artrite psoriasica o della psoriasi. Il farmaco deve essere somministrato per via endovenosa. Le infusioni di Remicade devono essere somministrate da professionisti sanitari qualificati e istruiti nelriconoscere qualsiasi problematica correlata all'infusione. Ai pazienti trattati, deve essere consegnato il foglio illustrativo e la schedadi promemoria per il paziente. Durante il trattamento, deve essere ottimizzato l'uso di altre terapie concomitanti quali ad esempio corticosteroidi ed immunosoppressori. Posologia. Adulti (>= 18 anni). Artritereumatoide. Una infusione endovenosa di 3 mg/kg seguita da infusioni supplementari di 3 mg/kg alle settimane 2 e 6 dalla prima infusione, quindi ogni 8 settimane. Il farmaco deve essere somministrato in concomitanza con metotrexato. I dati disponibili suggeriscono che la risposta clinica viene raggiunta solitamente entro 12 settimane dall'inizio del trattamento. Se un paziente ha una risposta inadeguata o perde la risposta dopo questo periodo, puo' essere preso in considerazione un aumento graduale del dosaggio di 1,5 mg/kg, fino ad un massimo di 7,5 mg/kg, ogni 8 settimane. In alternativa, si puo' prendere in considerazione la somministrazione di 3 mg/kg ogni 4 settimane. Se si raggiunge una risposta adeguata, si devono continuare a trattare i pazienti con il dosaggio o la frequenza scelti. E' necessario valutare attentamente se continuare la terapia nei pazienti che non mostrano evidenza di beneficio terapeutico entro le prime 12 settimane di trattamento o dopo l'aggiustamento del dosaggio. Malattia di Crohn in fase attiva, di grado da moderato a severo. 5 mg/kg somministrati in infusione endovenosa seguita da una infusione supplementare di 5 mg/kg a 2 settimane dalla prima infusione. Se un paziente non risponde alla terapia dopo 2 dosi,non gli deve essere somministrato nessun ulteriore trattamento con infliximab. I dati disponibili non supportano un ulteriore trattamento con infliximab nei pazienti non responders entro 6 settimane dalla prima infusione. Nei pazienti responders, le soluzioni alternative per un trattamento continuo sono le seguenti. Mantenimento: infusione supplementare di 5 mg/kg alla settimana 6 dopo la prima dose, seguita da infusioni ripetute ogni 8 settimane o; risomministrazione: una infusione di 5 mg/kg se i segni e i sintomi della malattia persistono. Sebbene manchino dati comparativi, dati limitati in pazienti che inizialmente hanno risposto alla terapia con 5 mg/kg, ma che hanno perso la risposta,indicano che alcuni pazienti possono recuperare la risposta aumentando la dose. E' necessario valutare attentamente se continuare la terapia nei pazienti che non mostrano evidenza di beneficio terapeutico dopol'aggiustamento della dose. Malattia di Crohn fistolizzante in fase attiva 5 mg/kg somministrati in infusione endovenosa seguita da infusioni supplementari di 5 mg/kg alla settimana 2 e 6 dalla prima infusione. Se un paziente non risponde dopo 3 dosi, non gli si deve somministrare nessun ulteriore trattamento con infliximab. Nei pazienti responders, le soluzioni alternative per un trattamento continuo sono le seguenti. Mantenimento: infusioni supplementari di 5 mg/kg ogni 8 settimane o; risomministrazione: una infusione di 5 mg/kg se i segni e i sintomidella malattia persistono, seguita da infusioni di 5 mg/kg ogni 8 settimane. Sebbene manchino dati comparativi, dati limitati in pazienti che inizialmente hanno risposto alla terapia con 5 mg/kg ma che hanno perso la risposta, indicano che alcuni pazienti possono recuperare la risposta aumentando la dose. E' necessario valutare attentamente se continuare la terapia nei pazienti che non mostrano evidenza di beneficioterapeutico dopo l'aggiustamento della dose. Nella malattia di Crohn,l'esperienza di risomministrazione, se i segni e i sintomi della malattia persistono, e' limitata e non sono disponibili dati comparativi di rischio/beneficio delle soluzioni alternative per un trattamento continuo. Colite ulcerosa. Una infusione endovenosa di 5 mg/kg seguita dainfusioni supplementari di 5 mg/kg alle settimane 2 e 6 dalla prima infusione, poi ripetute ogni 8 settimane. I dati disponibili suggeriscono che la risposta clinica viene solitamente raggiunta entro 14 settimane dall'inizio del trattamento, cioe' dopo tre somministrazioni. E' necessario valutare attentamente se continuare la terapia nei pazienti che non rispondano entro questo periodo di tempo. Spondilite anchilosante Una infusione endovenosa di 5 mg/kg seguita da infusioni supplementari di 5 mg/kg alle settimane 2 e 6 dalla prima infusione, poi ripetute dopo un tempo che puo' variare dalle 6 alle 8 settimane. Se un paziente non risponde entro 6 settimane (cioe' dopo 2 dosi) non deve ricevere nessun ulteriore trattamento con infliximab. Artrite psoriasica Una infusione endovenosa di 5 mg/kg seguita da infusioni supplementari di 5 mg/kg alle settimane 2 e 6 dalla prima infusione, poi ripetute ogni 8 settimane. Psoriasi Una infusione endovenosa di 5 mg/kg seguita dainfusioni supplementari di 5 mg/kg alle settimane 2 e 6 dalla prima infusione, poi ripetute ogni 8 settimane. Se un paziente non risponde entro 14 settimane (cioe' dopo 4 dosi), non si devono somministrare ulteriori trattamenti di infliximab. Risomministrazione per la malattia di Crohn e l'artrite reumatoide Se i segni e i sintomi della malattia si ripresentano, Remicade puo' essere somministrato nuovamente entro 16settimane dall'ultima infusione. Negli studi clinici, le reazioni di ipersensibilita' ritardata sono state "non comuni" e si sono verificate dopo intervalli di tempo senza somministrazione di Remicade inferiori ad 1 anno. La sicurezza e l'efficacia della risomministrazione non e' stata stabilita dopo un periodo superiore alle 16 settimane senza somministrazione di Remicade. Questo vale sia per i pazienti affetti da malattia di Crohn sia per i pazienti affetti da Artrite reumatoide.

CONSERVAZIONE

Conservare in frigorifero (2 gradi C - 8 gradi C).

AVVERTENZE

Tracciabilita'. Al fine di migliorare la tracciabilita' dei medicinali biologici, il nome commerciale e il numero di lotto del prodotto somministrato devono essere chiaramente registrati. Reazioni all'infusione e ipersensibilita'. Infliximab e' stato associato a reazioni acute correlate all'infusione, che includono shock anafilattico e reazioni daipersensibilita' ritardata. Reazioni acute all'infusione incluse reazioni anafilattiche si possono verificare durante (entro secondi) o entro poche ore seguenti l'infusione. Se si verificano reazioni acute all'infusione, l'infusione deve essere interrotta immediatamente. Deve essere tenuto a disposizione un equipaggiamento d'emergenza, quale adrenalina, antistaminici, corticosteroidi ed un ventilatore artificiale. Ipazienti possono essere pretrattati, ad es., con un antistaminico, idrocortisone e/o paracetamolo per prevenire gli effetti lievi e transitori. Si possono sviluppare anticorpi contro l'infliximab e sono stati associati ad una maggiore frequenza di reazioni all'infusione. Una bassa percentuale di reazioni all'infusione era rappresentata da gravi reazioni allergiche. E' stata inoltre osservata un'associazione tra lo sviluppo di anticorpi contro infliximab e una riduzione della risposta.La somministrazione concomitante di immunomodulatori e' stata associata ad una minore incidenza di anticorpi contro infliximab e ad una riduzione della frequenza delle reazioni all'infusione. L'effetto di una terapia immunomodulatoria concomitante era piu' intenso nei pazienti trattati episodicamente che in pazienti soggetti alla terapia di mantenimento. I pazienti che abbiano sospeso la terapia con gli immunosoppressori prima o durante il trattamento con Remicade, presentano un maggiore rischio di sviluppare tali anticorpi. Gli anticorpi contro infliximab non possono essere sempre rilevati nei campioni di siero. Se si verificano reazioni gravi, deve essere approntato un trattamento sintomatico e non devono essere somministrate ulteriori infusioni di Remicade. Negli studi clinici sono state riportate reazioni di ipersensibilita' ritardata. I data disponibili suggeriscono un aumento del rischio diipersensibilita' ritardata all'aumento della durata degli intervalli di tempo senza somministrazione di Remicade. I pazienti devono essere informati di contattare immediatamente il medico in caso si manifestasse una reazione avversa di tipo ritardato. Se i pazienti vengono ritrattati dopo un periodo prolungato, devono essere strettamente controllati per verificare la comparsa di segni e sintomi di ipersensibilita' ritardata. Infezioni. Prima, durante e dopo il trattamento con Remicadei pazienti devono essere strettamente monitorati per le infezioni tracui la tubercolosi. Poiche' l'eliminazione di infliximab puo' richiedere fino a sei mesi, il monitoraggio deve continuare durante questo periodo. L'ulteriore trattamento con Remicade non deve essere somministrato qualora un paziente sviluppi infezioni gravi o sepsi. E' necessaria cautela nell'utilizzo di Remicade in pazienti con infezione cronica o anamnesi di infezioni ricorrenti, inclusa la terapia concomitante con immunosoppressori. I pazienti devono essere informati in modo appropriato circa la necessita' di evitare l'esposizione a potenziali fattori di rischio di infezioni. Il fattore di necrosi tumorale alfa (TNF alfa ) media l'infiammazione e modula le risposte immunitarie cellulari.Dati sperimentali dimostrano che il TNF alfa e' essenziale per la risoluzione delle infezioni intracellulari. L'esperienza clinica dimostrache le difese immunitarie dell'ospite sono compromesse in alcuni pazienti trattati con infliximab. Va evidenziato che la soppressione del TNF alfa puo' mascherare i sintomi di un'infezione quali la febbre. Un riconoscimento precoce di manifestazioni cliniche atipiche di infezioni gravi e di manifestazioni cliniche tipiche di infezioni rare e inusuali e' un punto critico per minimizzare ritardi nella diagnosi e nel trattamento. I pazienti che assumono medicinali bloccanti il TNF sono piu' soggetti ad infezioni serie. In pazienti trattati con infliximab sono state osservate tubercolosi, infezioni batteriche, incluse la sepsi e la polmonite, infezioni micotiche invasive, virali ed altre infezioni opportunistiche. Alcune di queste infezioni hanno avuto esito fatale; le infezioni opportunistiche piu' frequentemente riportate con unapercentuale di mortalita' > 5% includono pneumocistosi, candidiasi, listeriosi e aspergillosi. I pazienti che sviluppano una nuova infezione in corso di trattamento con Remicade, devono essere attentamente monitorati e sottoporsi ad una accurata valutazione diagnostica. La somministrazione del farmaco deve essere interrotta se un paziente sviluppauna nuova infezione seria o sepsi e deve essere iniziata un'appropriata terapia antimicrobica o antifungina fino a quando l'infezione non e' risolta. Tubercolosi. In pazienti trattati con Remicade sono stati riportati casi di tubercolosi attiva. Va evidenziato che nella maggioranza di questi casi, si trattava di tubercolosi extrapolmonare, sia localizzata che diffusa. Prima di iniziare il trattamento con Remicade, tutti i pazienti devono essere valutati per tubercolosi sia attiva che inattiva ('latente'). Questa valutazione deve includere una dettagliata anamnesi che comprenda una storia personale di tubercolosi o un possibile precedente contatto con una fonte di contagio di tubercolosi e precedenti e/o concomitanti terapie immunosoppressive. In tutti i pazienti devono essere effettuati appropriati test diagnostici (ad es., test cutanei della tubercolina, radiografia del torace e/o test del rilascio di interferone gamma) (possono essere applicate le linee guida locali). Si raccomanda che l'effettuazione di questi test venga riportatasulla scheda di promemoria per il paziente. Si ricorda ai medici prescrittori il rischio di falsi negativi del test cutaneo della tubercolina in particolare in pazienti severamente ammalati o immunocompromessi. Qualora sia diagnosticata una tubercolosi attiva, la terapia non deve essere iniziata. In caso di sospetta tubercolosi latente deve essereconsultato un medico con esperienza nel trattamento della tubercolosi. In tutte le situazioni sotto descritte, il rapporto rischio/beneficio della terapia con Remicade deve essere valutato molto attentamente.

INTERAZIONI

Non sono stati effettuati studi d'interazione. Ci sono indicazioni che l'uso concomitante di metotrexato e altri immunomodulatori in pazienti affetti da artrite reumatoide, artrite psoriasica e malattia di Crohn riduca la formazione di anticorpi contro l'infliximab ed aumenti leconcentrazioni plasmatiche di infliximab. Tuttavia i risultati non sono certi a causa dei limiti dei metodi utilizzati per il dosaggio di infliximab e degli anticorpi contro infliximab nel siero. Non sembra che i corticosteroidi alterino la farmacocinetica di infliximab in modo clinicamente rilevante. Non e' raccomandata l'associazione di Remicadecon altre terapie biologiche usate per trattare le stesse condizioni di Remicade, compresi anakinra e abatacept. E' raccomandato che i vaccini vivi non vengano somministrati contemporaneamente a Remicade. E' inoltre raccomandato che i vaccini vivi non vengano somministrati ai lattanti dopo l'esposizione in utero a infliximab per almeno 6 mesi dopola nascita. Gli agenti terapeutici infettivi non devono essere somministrati contemporaneamente a Remicade.

EFFETTI INDESIDERATI

Riassunto del profilo di sicurezza. L'infezione delle vie aeree superiori e' stata la piu' comune reazione avversa (ADR) riportata negli studi clinici, riscontrata nel 25,3% dei pazienti trattati con infliximab rispetto al 16,5% dei pazienti di controllo. Le piu' gravi ADR associate all'uso degli inibitori del TNF, riportate per Remicade, includono riattivazione del virus HBV, insufficienza cardiaca congestizia (CHF, Congestive Heart Failure ), infezioni gravi (incluse sepsi, infezioni opportunistiche e TB), malattia da siero (reazioni di ipersensibilita' ritardata), reazioni ematologiche, lupus eritematoso sistemico/sindrome simil-lupus, malattie demielinizzanti, eventi epatobiliari, linfoma, HSTCL, leucemia, carcinoma a cellule di Merkel, melanoma, neoplasia maligna pediatrica, sarcoidosi/reazione di tipo sarcoide, ascesso intestinale o perianale (nella malattia di Crohn) e gravi reazioni all'infusione. Reazioni avverse. Di seguito le ADR segnalate in corso di studi clinici, cosi' come le reazioni avverse, alcune con esito fatale, riportate dopo la commercializzazione. Nell'ambito della Classificazione per Sistemi e Organi, le reazioni avverse sono elencate in base alla frequenza utilizzando le seguenti categorie: molto comune (>= 1/10);comune (>= 1/100, < 1/10); non comune (>= 1/1.000, < 1/100); raro (>=1/10.000, < 1/1.000); molto raro (< 1/10.000); non nota (la frequenzanon puo' essere definita sulla base dei dati disponibili). All'interno di ciascuna classe di frequenza, gli effetti indesiderati sono riportati in ordine decrescente di gravita'. Effetti indesiderati in corso di studi clinici e dopo la commercializzazione. Infezioni ed infestazioni. Molto comune: Infezione virale (es. influenza, infezione da herpes virus); Comune: Infezioni batteriche (es. sepsi, cellulite, ascesso); Non comune: Tuberculosi, infezioni fungine (es. candidiasi, onicomicosi); Raro: Meningite, infezioni opportunistiche (quali infezioni fungine invasive [pneumocistosi, istoplasmosi, aspergillosi, coccidioidomicosi, criptococcosi, blastomicosi] infezioni batteriche [micobattericaatipica, listeriosi, salmonellosi], e infezioni virali [citomegalovirus]), infezioni parassitarie, riattivazione di epatite B; Non nota: Infezione breakthrough da vaccino (dopo l'esposizione in utero a infliximab). Tumori benigni, maligni e non specificati (cisti e polipi compresi). Raro: Linfoma, linfoma non-Hodgkin, malattia di Hodgkin, leucemia, melanoma,tumore della cervice uterina; Non nota: Linfoma epatosplenico a cellule T (essenzialmente pazienti adolescenti e giovani adulti maschi con malattia di Crohn o colite ulcerosa), carcinoma a cellule diMerkel. Patologie del sistema emolinfopoietico. Comune: Neutropenia, leucopenia, anemia, linfoadenopatia; Non comune: Trombocitopenia, linfopenia, linfocitosi; Raro: Agranulocitosi (compresi i lattanti espostiin utero a infliximab), porpora trombotica trombocitopenica, pancitopenia, anemia emolitica, porpora trombocitopenica idiopatica. Disturbi del sistema immunitario. Comune: Sintomi delle vie respiratorie su base allergica; Non comune: Reazione anafilattica, sindrome simil-lupus, malattia da siero o reazione simil-malattia da siero; Raro: Shock anafilattico, vasculite, reazione simil-sarcoidotica. Disturbi psichiatrici. Comune: Depressione, insonnia; Non comune: Amnesia, ansia, confusione, sonnolenza, nervosismo; Raro: Apatia. Patologie del sistema nervoso. Molto comune: Cefalea; Comune: Vertigine, capogiro, ipoestesia, parestesia; Non comune: Convulsioni, neuropatia; Raro: Mielite trasversa,malattie demielinizzanti del sistema nervoso centrale (malattia simil-sclerosi multipla e neurite ottica), malattie demielinizzanti periferiche (come la sindrome di Guillain- Barré, le polineuropatie infiammatorie demielinizzanti croniche e le neuropatie motorie multifocali); Non nota: Accidenti cerebrovascolari in stretta associazione temporale con l'infusione. Patologie dell'occhio. Comune: congiuntivite; non comune: cheratite, edema perioculare, orzaiolo; Raro: endoftalmite; non nota: perdita transitoria della vista che si manifesta durante o entro 2ore dall'infusione. Patologie cardiache. Comune: Tachicardia, palpitazioni; non comune: Insufficienza cardiaca (nuova insorgenza o peggioramento), aritmia, sincope, bradicardia; Raro: Cianosi, versamento pericardico; Non nota: Ischemia miocardica/infarto miocardico. Patologie vascolari. Comune: Ipotensione, ipertensione, ecchimosi, vampate di calore, rossore; non comune: Ischemia periferica, tromboflebite, ematoma; Raro: Insufficienza circolatoria, petecchie, vasospasmo. Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche. Molto comune: infezione delle alte vie respiratorie, sinusite; Comune: Infezione delle basse vie respiratorie (es. bronchite, polmonite), dispnea, epistassi; Non comune: Edema polmonare, broncospasmo, pleurite, versamento pleurico; Raro: Malattie polmonari interstiziali (incluso malattie rapidamente progressive, fibrosi polmonare e polmonite). Patologie gastrointestinali. Molto comune: Dolore addominale, nausea; Comune: Emorragia gastrointestinale,diarrea, dispepsia, reflusso gastroesofageo, stipsi; Non comune: Perforazione intestinale, stenosi intestinale, diverticolite, pancreatite,cheilite. Patologie epatobiliari. Comune: Alterazioni della funzionalità epatica, aumento delle transaminasi; Non comune: Epatite, danno epatocellulare, colecistite; raro: epatite autoimmune, ittero; Non nota:Insufficienza epatica. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Comune: Nuova insorgenza o aggravamento di psoriasi, inclusa la forma pustolosa (essenzialmente palmo-plantare), orticaria, rash cutaneo,prurito, iperidrosi, secchezza cutanea, dermomicosi, eczema, alopecia; Non comune: Eruzione bollosa, seborrea, acne rosacea, papilloma cutaneo, ipercheratosi, anomala pigmentazione della cute; Raro: Necrolisi epidermica tossica, sindrome di Stevens-Johnson, eritema multiforme, foruncolosi, dermatosi bollosa da IgA lineari (LABD), pustolosi esantematica acuta generalizzata (AGEP), reazioni lichenoidi; Non nota: Peggioramento dei sintomi di dermatomiosite.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Donne in eta' fertile. Le donne in eta' fertile devono considerare l'uso di un adeguato metodo contraccettivo per prevenire la gravidanza econtinuarne l'uso per almeno 6 mesi dopo l'ultima somministrazione del farmaco. Gravidanza. Un numero moderato di dati raccolti in modo prospettico, su pazienti in gravidanza esposte a infliximab, con esiti noti su nati vivi, delle quali circa 1.100 esposte durante il primo trimestre, non ha evidenziato un aumento del tasso di malformazione nel neonato. Sulla base di uno studio osservazionale condotto in nord Europa, e' stato osservato un aumentato rischio (OR, IC 95%; valore p) per la sezione C (1,50, 1,14-1,96; p = 0,0032), di nascita pretermine (1,48, 1,05-2,09; p = 0,024), di nati piccoli per eta' gestazionale (2,79, 1,54-5,04; p = 0,0007) e di basso peso alla nascita (2,03, 1,41-2,94; p = 0,0002) in donne esposte a infliximab durante la gravidanza (con osenza immunomodulatori/corticosteroidi, 270 gravidanze) rispetto alledonne esposte solamente a immunomodulatori e/o corticosteroidi (6.460gravidanze). Il potenziale contributo dell'esposizione a infliximab e/o la severita' della malattia di base in questi esiti non e' chiara. A causa dell'inibizione del TNF alfa, infliximab somministrato durantela gravidanza puo' alterare le normali risposte immunitarie del neonato. In uno studio di tossicita' sullo sviluppo effettuato sul topo, utilizzando un anticorpo analogo che inibisce selettivamente la funzionalita' del TNF alfa del topo, non e' stata riscontrata ne' tossicita' materna, ne' embriotossicita', ne' teratogenicita'. L'esperienza clinica disponibile e' limitata. Infliximab deve essere utilizzato durante la gravidanza solo se chiaramente necessario. Infliximab passa attraverso la placenta ed e' stato rilevato nel siero dei lattanti fino a 6 mesi dopo la nascita. Dopo l'esposizione in utero a infliximab, i lattanti possono avere un rischio piu' elevato di infezione, compresa un'infezione disseminata grave che puo' avere un esito fatale. La somministrazione di vaccini vivi (ad es.il vaccino BCG) a lattanti esposti in utero a infliximab non e' raccomandata per almeno 6 mesi dopo la nascita. Sono stati segnalati anche casi di agranulocitosi. Allattamento. None' noto se infliximab venga escreto nel latte materno o assorbito sistemicamente dopo l'ingestione. Poiche' le immunoglobuline umane vengono escrete nel latte materno, le donne non devono allattare per almeno 6 mesi dopo il trattamento con Remicade. Fertilita'. Sono disponibili dati preclinici insufficienti per trarre conclusioni sugli effetti di infliximab sulla fertilita' e sulla funzione riproduttiva generale.

Codice: 034528012
Codice EAN:
Codice ATC: L04AB02
  • Farmaci antineoplastici ed immunomodulatori
  • Immunosoppressori
  • Inibitori del fattore di necrosi tumorale alfa
  • Infliximab
Temperatura di conservazione: da +2 a +8 gradi, in frigorifero
Forma farmaceutica: POLVERE PER CONCENTRATO PER SOLUZIONE PER INFUSIONE
Scadenza: 36 MESI
Confezionamento: FLACONE