Condividi:

TRAMADOLO VIATRIS 30CPS 50MG

Produttore: MEDA PHARMA SPA
FARMACO MUTUABILE
RICETTA MEDICA NON RIPETIBILE
Prezzo:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Analgesico oppioide.

INDICAZIONI

Trattamento del dolore da moderato a grave.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Il tramadolo non deve essere somministrato a pazienti: con ipersensibilita' nota al principio attivo tramadolo o ad uno qualsiasi degli eccipienti; con intossicazione acuta da alcool, ipnotici, analgesici ad attivita' centrale, oppioidi o altri farmaci psicotropi; in trattamentocontemporaneo con inibitori delle monoaminoossidasi (farmaci specifici attivi contro la depressione) o se tali farmaci sono stati assunti nel periodo di 14 giorni prima dell'inizio del trattamento. Il tramadolo non deve essere impiegato come farmaco di sostituzione in pazienti dipendenti dagli oppioidi. Non va usato durante la gravidanza poiche' non sono disponibili dati sufficienti per valutare la sicurezza di Tramadolo in donne in gravidanza. Non deve essere somministrato durante l'allattamento al seno poiche' il tramadolo e i suoi metaboliti sono stati rilevati nel latte materno. Una percentuale pari allo 0,1% della dose somministrata alla madre puo' essere escreta nel latte.

POSOLOGIA

Le capsule vanno assunte con una sufficiente quantita' di acqua, indipendentemente dai pasti. Come per tutti i farmaci analgesici, la posologia di tramadolo va rapportata alla intensita' del dolore e alla risposta clinica del singolo paziente. ADULTI E ADOLESCENTI A PARTIRE DALLA ETA' DI 12 ANNI. La dose (singola) raccomandata per il controllo diun dolore moderato e' di 50 mg di tramadolo cloridrato (1 capsula). Se il controllo del dolore non e' ancora adeguato dopo 30-60 minuti, somministrare un'altra dose singola di 50 mg di tramadolo cloridrato. Incaso di dolore intenso dove non puo' essere raggiunta un'adeguata analgesia va somministrata una dose singola di 100 mg di tramadolo cloridrato (2 capsule). Le dosi terapeutiche di tramadolo cloridrato forniscono una adeguata analgesia per la durata in media di 4-8 ore, a seconda della intensita' del dolore. La necessita' di un trattamento continuato va valutata a intervalli regolari dato che sono stati riportati sintomi di astinenza e dipendenza. Non si deve eccedere la dose totale giornaliera di 400 mg di tramadolo cloridrato (8 capsule) salvo in circostanze cliniche particolari. Dosi giornaliere significativamente piu'elevate possono essere necessarie in caso di dolore intenso dopo interventi chirurgici o nel trattamento del dolore da cancro. BAMBINI. None' adatto in bambini di eta' inferiore a 12 anni. PAZIENTI GERIATRICI. Nel dolore acuto le capsule vengono assune una o poche volte e pertanto non sono necessari aggiustamenti di doe. Nel dolore cronico aggiustamenti di dose non sono generalmente necssari in pazienti anziani fino a 75 anni che non manifestano alcun segno di disfunzioni epatiche o renali. Nei pazienti anziani al disopra dei 75 anni esiste una tendenza al prolungamento della emivita terminale. Gli intervalli di dose vanno percio' aumentati su base individuale. PAZIENTI CON DISFUNZIONI RENALI E/O EPATICHE. Per il trattamento del dolore acuto le capsule vannoassunte con bassa frequenza o solo come dose singola. In questa situazione non sono necessari aggiustamenti di dose. Le capsule VIATRIS nonsono consigliate in pazienti con grave insufficienza epatica e/o renale. Nei casi meno gravi gli intervalli tra le somministrazioni vanno adeguatamente aumentati. Il tramadolo non deve essere mai usato piu' a lungo di quanto non sia assolutamente necessario per il controllo del dolore. Se la natura e la gravita' della malattia sottostante suggeriscono il bisogno di un trattamento prolungato del dolore la necessita' medica di una analgesia continua con tramadolo va riconsiderata con cura a brevi e regolari intervalli (cioe' mediante interruzioni del trattamento). Le dosi raccomandate vanno considerate come una linea guida.I pazienti devono sempre ricevere la dose piu' bassa che assicura un controllo efficace del dolore. Il trattamento del dolore cronico va preferibilmente realizzato con uno schema di dosaggio fisso.

INTERAZIONI

La vita di pazienti trattati con inibitori delle monoaminoossidasi, entro i 14 giorni precedenti la somministrazione dell'oppioide petidina, e' stata messa in pericolo a causa di interazioni a livello del sistema nervoso centrale e dei centri che regolano la respirazione e la circolazione. La possibilita' che si verifichino interazioni similari tra inibitori delle monoaminoossidasi e tramadolo non puo' essere esclusa. Il tramadolo puo' potenziare gli effetti depressivi sul sistema nervoso centrale prodotti da altre sostanze che agiscono a livello centrale, fra cui l'alcool, se somministrate contemporaneamente. Tramadolo puo' aumentare il potenziale convulsivogeno degli inibitori selettivi della ricaptazione di serotonina (SSRIs), degli antidepressivi triciclici (TCAs), di neurolettici e di altri farmaci che riducono la soglia convulsivogena. La somministrazione in associazione a carbamazepina induce una diminuzione marcata della concentrazione sierica di tramadolo che ne puo' ridurre la efficacia analgesica e abbreviarne la durata diazione. La associazione di agonisti/antagonisti (ad esempio buprenorfina, nalbufina, pentazocina) e tramadolo e' sconsigliata perche' e' teoricamente possibile che in queste circostanze diminuisca l'effetto analgesico di un agonista puro. Non vi sono interazioni con gli alimenti.

EFFETTI INDESIDERATI

Le reazioni avverse piu' comunemente riportate, da oltre il 10 % dei pazienti, sono nausea e vertigini. DISTURBI GASTROINTESTINALI. Molto frequenti (>10%): vomito. Frequenti (1-10%): stitichezza, secchezza delle fauci. Non frequenti (<1%): conati di vomito, irritazione gastrointestinale (una sensazione di pressione allo stomaco, borborigmi). DISTURBI DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE. Non frequenti (<1%): squilibrio cardiovascolare (palpitazioni, tachicardia, ipotensione posturale o collasso cardiovascolare). Questi effetti collaterali possono comparire specialmente a seguito di somministrazione endovenosa e in pazienti fisicamente stressati. Rari (<0.1%): bradicardia, ipertensione. DISTURBI DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO. Molto frequenti (>10%): vertigini. Frequenti (1-10%): cefalea, sonnolenza. Rare (<0.1%): depressione respiratoria. Se le dosi raccomandate sono state notevolmente superateed altre sostanze depressive centrali sono somministrate contemporaneamente puo' manifestarsi depressione respiratoria. Convulsioni epilettiche si sono manifestate specialmente dopo somministrazione di dosi elevate di tramadolo o dopo trattamento contemporaneo con farmaci che possono abbassare la soglia convulsivogena o indurre esse stesse convulsioni cerebrali (per esempio antidepressivi o antipsicotici; Parestesie, tremori, variazioni dell'appetito. DISTURBI PSICHIATRICI. Rari (< 0.1%): effetti collaterali a livello psichico possono comparire dopo somministrazione di tramadolo e variano individualmente di intensita' e natura (a seconda della personalita' e della durata di trattamento). Questi effetti comprendono alterazioni dell'umore (generalmente euforia,occasionalmente disforia), variazioni della attivita' (generalmente soppressione, occasionalmente aumento) e variazioni delle capacita' cognitive e sensoriali (ad esempio disordini nelle capacita' decisionalie percettive) allucinazioni, confusione, turbe del sonno e incubi. Puo' manifestarsi dipendenza. DISTURBI VISIVI. Rari (< 0.1%): visione sfocata. DISTURBI DEL SISTEMA RESPIRATORIO. E' stato riportato un peggioramento dell'asma, anche se non e' stato stabilito un rapporto causale. DISTURBI DELLA CUTE ED ANNESSI. Frequenti (1-10%): sudorazione. Non frequenti (< 1%): reazioni cutanee (ad esempio prurito, rash, orticaria). DISTURBI DEL SISTEMA MUSCOLO-SCHELETRICO. Rari (< 0.1%): debolezzamotoria. DISTURBI DEL SISTEMA EPATO-BILIARE. In casi molto rari e' stato riportato un aumento dei valori degli enzimi epatici in rapporto temporale con l'uso terapeutico di tramadolo. DISTURBI DEL SISTEMA URINARIO. Rari (< 0.1%): disturbi della minzione (difficolta' ad urinare eritenzione urinaria). DISTURBI SISTEMICI. Rari (<0.1%): reazioni allergiche (ad esempio dispnea, broncospasmo, asma, edema angioneurotico) e anafilassi. Sintomi di reazioni da sospensione, simili a quelli da sospensione da oppioidi, sono i seguenti: agitazione, ansia, nervosismo, insonnia, ipercinesia, tremori e disturbi gastrointestinali .

Codice: 035875107
Codice EAN:
Codice ATC: N02AX02
  • Sistema nervoso
  • Analgesici
  • Oppioidi
  • Altri oppioidi
  • Tramadolo
Temperatura di conservazione: non conservare al di sopra di +30 gradi
Forma farmaceutica: CAPSULE RIGIDE
Scadenza: 36 MESI
Confezionamento: BLISTER