Cercafarmaco.it

ENZAPROST INIET FL 50ML Produttore: CEVA SALUTE ANIMALE SPA

  • PRODOTTO VETERINARIO
  • RICETTA MEDICA NON RIPETIBILE VETERINARIA

DENOMINAZIONE

ENZAPROST 5 MG/ML SOLUZIONE INIETTABILE PER BOVINI E SUINI

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Prostaglandine.

PRINCIPI ATTIVI

Ogni ml contiene: principio attivo: dinoprost (come trometamolo) 5 mg. Eccipienti: alcool benzilico (E1519) 16,5 mg. Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

ECCIPIENTI

Alcool benzilico (E1519), idrossido di sodio (E524) (per regolazione del pH), acqua per iniezioni.

INDICAZIONI

Il prodotto e' indicato per la sua attivita' luteolitica nei bovini esuini. Bovini. L'attivita' luteolitica del prodotto puo' essere utilizzata per le seguenti indicazioni terapeutiche: 1. Sincronizzazione dell'estro. 2. Trattamento del subestro o degli estri silenti in bovine con corpo luteo funzionale in assenza di manifestazioni estrali. 3. Induzione dell'aborto sino al giorno 120 di gravidanza. 4. Induzione delparto. 5. Come coadiuvante nel trattamento delle metriti croniche o piometra in presenza di un corpo luteo funzionale o persistente. Suini.1. Induzione del parto a partire dal 111 giorno di gravidanza. 2. Usonel post partum: per ridurre l'intervallo svezzamento-estro (WOI) e svezzamentoconcepimento (WFSI) in scrofe con problemi del puerperio come metriti in gruppi con problemi riproduttivi.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Non somministrare ad animali con patologie acute o subacute riguardanti il sistema vascolare, il tratto gastroenterico ed il sistema respiratorio. Non somministrare ad animali gravidi a meno che non si intendaindurre parto o interrompere la gravidanza. Non usare in casi di ipersensibilita' nota al principio attivo o a qualsiasi degli eccipienti.

SICUREZZA NELLE SPECIE DI RIF.

Un aumento della temperatura rettale associato ad un transitorio incremento della frequenza cardiaca possono essere osservati con dosaggi 5o 10 volte superiori a quelli raccomandati sia in bovine sia nelle manze.

USO/VIA DI SOMMINISTRAZIONE

Uso intramuscolare.

POSOLOGIA

Uso intramuscolare. Impiegare tutte le precauzioni per l'asepsi. Usare ago e siringa sterili ed iniettare in un'area asciutta e pulita della pelle. Evitare di iniettare in aree cutanee sporche o bagnate. Bovini. 1. Sincronizzazione dell'estro: un'unica somministrazione di 25 mg di dinoprost (come trometamolo), pari a 5 ml di prodotto per capo, ripetere se necessario dopo 11 (10 -12) giorni. Gli animali trattati durante la fase diestrale presentano di regola estro ed ovulazione dai dueai quattro giorni dopo il trattamento. Gli animali trattati con il prodotto possono essere fecondati mediante monta naturale, inseminazioneartificiale al tempo normale di comparsa dell'estro o a tempi prefissati (di norma 72 e 96 ore dopo la seconda iniezione). 2. Trattamento del subestro o degli estri silenti in bovine con corpo luteo funzionalein assenza di manifestazioni estrali: un'unica somministrazione di 25mg di dinoprost (come trometamolo), pari a 5 ml di prodotto per capo,ripetere se necessario dopo 11 (10 -12) giorni. 3. Induzione dell'aborto sino al giorno 120 di gravidanza: un'unica somministrazione di 25 mg di dinoprost (come trometamolo), pari a 5 ml di prodotto per capo. L'effetto luteolitico del prodotto puo' essere usato per interrompere la gravidanza nelle bovine sino al giorno 120 di gestazione. 4. Induzione del parto: un'unica somministrazione di 25 mg di dinoprost (come trometamolo), pari a 5 ml di prodotto per capo dal giorno 270 di gravidanza. L'intervallo di tempo tra trattamento e parto e' compreso tra 1 e 8 giorni (mediamente in tre giorni). 5. Come coadiuvante del trattamento delle metriti croniche o piometra in presenza di un corpo luteo funzionale o persistente: un'unica somministrazione di 25 mg di dinoprost (come trometamolo), pari a 5 ml di prodotto per capo, ripetere se necessario dopo 11 (10 -12) giorni. Suini: per evitare un'eccessiva perforazione del tappo, qualora si intenda trattare un cospicuo numero dianimali, si raccomanda il flacone da 50 ml e siringhe multidose con ago di erogazione. 1. Induzione del parto dal giorno 111 di gravidanza:un' unica somministrazione di 10 mg di dinoprost (come trometamolo), pari a 2 ml di prodotto capo 3 giorni prima della data presunta di parto. La risposta al trattamento puo' variare individualmente da animalead animale in un limite di tempo compreso tra le 24 e 36 ore dall'iniezione al momento del parto. Cio' permette di controllare il tempo dell'espletamento del parto nelle scrofe e nelle scrofette a termine. Un trattamento precoce, prima dei 3 giorni dalla data presunta di parto, puo' causare la nascita di suinetti sottopeso. 2. Uso nel post-partum:un' unica somministrazione di 10 mg di dinoprost (come trometamolo), pari a 2 ml di prodotto capo da 24 a 36 ore dopo il parto.

CONSERVAZIONE

Questo medicinale veterinario non richiede alcuna speciale condizionedi conservazione. Dopo la prima apertura del flacone: non conservare a temperatura superiore a 25 gradi C. Periodo di validità del medicinale veterinario confezionato per la vendita nei flaconi da 5 ml: 2 anni. Periodo di validità del medicinale veterinario confezionato per la vendita nei flaconi da 10, 30 o 50 ml: 3 anni. Periodo di validità dopoprima apertura del flacone: 14 giorni.

AVVERTENZE

Il prodotto e' inefficace quando somministrato nei primi 5 giorni dall'ovulazione. La somministrazione del medicinale deve essere effettuata esclusivamente dal medico veterinario in caso di finalita' abortive.Precauzioni speciali per l'impiego negli animali: dopo l'iniezione, sono state segnalate infezioni locali batteriche che possono diffondereper tutto l'organismo. Ai primi sintomi di infezione occorre intervenire tempestivamente con una terapia antibiotica particolarmente mirataper le infezioni da clostridiosi. Metodiche di asepsi devono essere adottate per ridurre l'insorgenza di infezioni batteriche post trattamento. Non somministrare per via endovenosa. L'induzione dell'aborto o del parto con sostanze esogene puo' aumentare il rischio di distocia, mortalita' fetale, ritenzione placentare e/o metriti. Precauzioni speciali che devono essere adottate dalla persona che somministra il medicinale veterinario agli animali: le prostaglandine del tipo PGF2alfa possono essere assorbite dalla cute e possono causare broncospasmo ed aborto. Quando si maneggia il farmaco evitare l'auto iniezione o il contatto con la cute. In caso di contatto accidentale della cute e degli occhi, lavare immediatamente la parte con acqua pulita. Indossare guantidi plastica impermeabili usa e getta per evitare il contatto con la pelle. Un'iniezione accidentale puo' essere particolarmente pericolosa in donne gravide o che intendano diventare gravide o il cui stato gravidico non e' conosciuto, in persone asmatiche e in persone con problemi bronchiali o altri problemi respiratori. Le persone asmatiche e le persone con problemi bronchiali o altri problemi respiratori dovrebberomaneggiare il prodotto con la massima cura allo scopo di evitare accidentali auto-iniezioni e contatti con la cute. Donne gravide, donne ineta' feconda, persone asmatiche e persone con problemi bronchiali o altri problemi respiratori non dovrebbero maneggiare il prodotto o, in caso contrario, dovrebbero indossare guanti di plastica impermeabili usa e getta. Un aumento della temperatura rettale associato ad un transitorio incremento della frequenza cardiaca possono essere osservati con dosaggi 5 o 10 volte superiori a quelli raccomandati sia in bovine sia nelle manze. In assenza di studi di compatibilità, questo medicinale veterinario non deve essere miscelato con altri medicinali veterinari.

TEMPO DI ATTESA

Bovini: carne e visceri: 2 giorni. Latte: zero ore. Suini: carne e visceri: 2 giorni.

SPECIE DI DESTINAZIONE

Bovini: vacche, manze. Suini: scrofe, scrofette.

INTERAZIONI

I farmaci antinfiammatori non steroidei possono inibire la sintesi endogena delle prostaglandine; l'uso concomitante di questi farmaci con il prodotto puo' diminuire l'attivita' luteolitica del prodotto. Poiche' gli agenti ossitocici stimolano la produzione di prostaglandine, l'uso concomitante di queste sostanze con il prodotto puo' potenziarne l'effetto luteo litico.

DIAGNOSI E PRESCRIZIONE

Da vendersi soltanto dietro presentazione di ricetta medico-veterinaria non ripetibile.

EFFETTI INDESIDERATI

Bovini: l'aumento della temperatura rettale (ipertermia) e' stato riportato molto raramente. Tuttavia, i cambiamenti della temperatura rettale sono stati transitori in tutti i casi osservati e non sono stati dannosi per gli animali. Una salivazione limitata e' stata osservata inalcuni casi. Gli effetti collaterali tendono a scomparire entro un'ora dalla somministrazione di PGF2alfa. Nei bovini, se usato per l'induzione del parto, la ritenzione delle membrane fetali puo' verificarsi piu' frequentemente, a seconda del tempo di utilizzo del prodotto. Suini: effetti collaterali transitori quali aumento della temperatura corporea, dolore al sito di iniezione, aumento della frequenza respiratoria, aumentata salivazione, stimolo alla defecazione e minzione, arrossamenti cutanei, dispnea, lieve atassia, spasmi addominali e vomito si verificano occasionalmente dopo somministrazione di dinoprost nelle scrofe gravide e nelle scrofette. Queste manifestazioni somigliano a quelle che normalmente si notano nelle scrofe prima del parto fisiologico,con l'unica differenza che sono piu' concentrate nel tempo. Questi effetti di solito compaiono entro 10 minuti dal trattamento e scompaionoentro 3 ore. La tendenza a costruirsi il "nido" e' un atteggiamento comune che si osserva entro 5 - 10 minuti dopo la somministrazione di prostaglandina nelle scrofe alloggiate in recinto o all'aperto. In casimolto rari sono state riportate reazioni di tipo anafilattico, iperattivita' (agitazione - inarcamento della schiena, grattamento del suoloe sfregamento e morsicatura delle sbarre) e prurito. La frequenza delle reazioni avverse e' definita usando le seguenti convenzioni: molto comuni (piu' di 1 su 10 animali trattati manifesta reazioni avverse); comuni (piu' di 1 ma meno di 10 animali su 100 animali trattati); non comuni (piu' di 1 ma meno di 10 animali su 1.000 animali trattati); rare (piu' di 1 ma meno di 10 animali su 10.000 animali trattati); moltorare (meno di 1 animale su 10.000 animali trattati, incluse le segnalazioni isolate).

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Verificare lo stato della gravidanza prima di iniettare il Dinoprost in quanto il farmaco puo' causare aborto o indurre il parto in molte specie animali, quando somministrato a dosi sufficientemente elevate. Se l'animale e' gravido, deve essere presa in considerazione l'improbabile possibilita' di una rottura dell'utero, specialmente se non avviene la dilatazione della cervice. L'induzione del parto nei suini prima delle 72 ore previste per il parto, puo' determinare una ridotta vitalita' dei suinetti.

Codice: 103659049
Codice EAN:

Codice ATC: G02AD01
  • Sistema genito-urinario ed ormoni sessuali
  • Altri ginecologici
  • Uterotonici
  • Prostaglandine
  • Dinoprost
Temperatura di conservazione: nessuna particolare condizione di conservazione
Gruppo merceologico: 8AA1
  • Veterinaria
  • Medicinali veterinari
  • Specialita' medicinali veterinarie
Forma farmaceutica: SOLUZIONE INIETTABILE
Scadenza: 36 MESI
Confezionamento: FLACONE

SOLUZIONE INIETTABILE

36 MESI

FLACONE