Cercafarmaco.it

FILOSTIN 120 S SACCO 10KG Produttore: QALIAN ITALIA SRL

  • PRODOTTO VETERINARIO
  • Prezzo: libero

DENOMINAZIONE

FILOSTIN 120 S

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Antinfettivi intestinali.

PRINCIPI ATTIVI

Colistina solfato 120,0 mg/g (24000000 UI/g).

ECCIPIENTI

Olio di semi di soia, tutolo di mais.

INDICAZIONI

Suini (fino a 35 kg di peso), broilers, tacchini, galline ovaiole, conigli: trattamento e metafilassi di Enteriti batteriche causate da E. coli non invasivo sensibile alla colistina. Prima del trattamento metafilattico deve essere stabilita la presenza della malattia nella mandria.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Non somministrare ad animali con ipersensibilita' accertata alla Colistina o ad uno degli eccipienti. L'assorbimento gastroenterico della colistina solfato e' scarso, tuttavia si deve evitare l'uso del prodotto in soggetti con segni di insufficienza renale. Non usare nei cavalli, in particolare nei puledri, poiche' la colistina, a causa di un'alterazione dell'equilibrio della microflora gastrointestinale potrebbe portare allo sviluppo di colite da antimicrobici (colite X), tipicamenteassociata a Clostridium difficile, che puo' essere fatale.

USO/VIA DI SOMMINISTRAZIONE

Orale.

POSOLOGIA

Da incorporarsi nel mangime secco. Suini (Fino a 35 kg di peso): 100 g di prodotto ogni 100 kg di mangime, corrispondenti a 5.0-6.0 mg di colistina solfato ogni kg di p.v. Broiler: 83.3 g ogni 100 kg di mangime, corrispondenti a 5.0-6.0 mg di colistina solfato ogni kg di p.v. Tacchini: 83.3 g ogni 100 kg di mangime, corrispondenti a 5.0-6.0 mg di colistina solfato ogni kg di p.v. Galline ovaiole: 83.3 g ogni 100 kg di mangime, corrispondenti a 5.0-6.0 mg di colistina solfato ogni kg di p.v. Conigli: 100 g di prodotto ogni 100 kg di mangime, corrispondenti a 5.0-6.0 mg di colistina solfato ogni kg di p.v La durata della terapia deve essere limitata al tempo minimo necessario per il trattamento della malattia. Durata del trattamento: 3-7 giorni per tutte le specie Per evitare un sottodosaggio il peso corporeo deve essere determinato nel modo piu' accurato possibile. Il consumo dell'acqua medicata dipende dalle condizioni cliniche degli animali. Al fine di ottenere ilcorretto dosaggio la concentrazione dell'antimicrobico deve essere calcolata correttamente.

CONSERVAZIONE

Conservare al riparo dalla luce solare diretta. Dopo l'apertura richiudere accuratamente il sacco arrotolando i lembi del lato aperto per proteggere il medicinale dalla luce e dalla umidita'.

AVVERTENZE

L'assunzione del mangime medicato da parte degli animali puo' essere alterata a seguito della malattia. Per i soggetti che presentano un'assunzione ridotta di mangime eseguire il trattamento per via parenterale utilizzando un idoneo prodotto iniettabile su consiglio del medico veterinario. La colistina esercita un'attivita' concentrazionedipendente nei confronti dei batteri Gram-negativi. In seguito alla somministrazione orale, si raggiungono concentrazioni elevate nel tratto gastrointestinale, ossia il sito bersaglio, a causa dello scarso assorbimento della sostanza. Questi fattori indicano che una durata del trattamentopiu' lunga di quella indicata, che comporta un'inutile esposizione, non e' raccomandata. L'uso del medicinale veterinario (colistina) nel pollame deve essere conforme al Regolamento CE 1177/2006 della Commissione e alle normative nazionali di recepimento. L'utilizzo del prodottodovrebbe essere basato su test di sensibilita' nei confronti dei batteri isolati dagli animali. Se cio' non fosse possibile, la terapia dovrebbe essere basata su informazioni epidemiologiche locali (regionali,aziendali) a causa di possibili variazioni circa la sensibilita' dei batteri target. L'uso inappropriato del prodotto potrebbe incrementarela prevalenza ai germi resistenti alla Colistina e ridurre l'efficacia dei trattamenti con altri antibiotici del gruppo delle polimixine a causa della possibile comparsa di resistenza crociata. Non utilizzare in acqua da bere o in alimento liquido. Non lasciare il mangime medicato alla portata di animali non in terapia o selvatici. L'utilizzo ripetuto e protratto va evitato,migliorando le prassi di gestione mediantepulizia e disinfezione. Si deve prestare una particolare attenzione nel migliorare le pratiche di allevamento per evitare ogni condizione di stress. Non usare colistina in sostituzione delle buone pratiche di gestione. La colistina e' un farmaco di ultima istanza nella medicina umana per il trattamento di infezioni causate da alcuni batteri multiresistenti. Al fine di ridurre al minimo qualsiasi potenziale rischio associato a un impiego diffuso della colistina, l'utilizzo deve essere limitato al trattamento o al trattamento e alla metafilassi delle malattie e non essere previsto per la profilassi. Ove possibile, la colistina deve essere usata unicamente sulla base di test di sensibilita' L'uso del medicinale non conforme alle istruzioni riportate nel riassunto delle caratteristiche del prodotto puo' portare all'insuccesso del trattamento e aumentare la prevalenza di batteri resistenti alla colistina. Precauzioni speciali per chi somministra il prodotto agli animali: miscelare accuratamente nell'alimento solido. La miscelazione deve essere effettuata in impianto autorizzato all'utilizzo di premiscele medicate. Adottando consueti procedimenti di preparazione o di somministrazione del prodotto non sono necessarie particolari precauzioni per l'operatore, tuttavia e' buona norma evitare l'inalazione e il contattodiretto; si suggerisce l'uso della mascherina e di guanti protettivi adatti per manipolare il prodotto. Non mangiare, bere o fumare durantela manipolazione; lavare le mani dopo l'uso. In caso di contatto accidentale con la cute o gli occhi sciacquare accuratamente con acqua e sapone. Se l'irritazione persiste consultare il medico. Persone con ipersensibilita' accertata alla colistina devono evitare contatti con il medicinale veterinario. Incompatibilita': in assenza di studi di compatibilita', non miscelare con altri medicinali veterinari.

TEMPO DI ATTESA

Carne, visceri. Broilers, tacchini: 5 giorni. Suini: 7 giorni. Conigli: 5 giorni. Uova. Galline ovaiole: 5 giorni.

SPECIE DI DESTINAZIONE

Suini (fino a 35 kg di peso), broilers, tacchini, galline ovaiole, conigli.

INTERAZIONI

La colistina dimostra effetto sinergico con sulfamidici, bacitracina,novobiocina, acido fusidico, eritromicina, beta lattamici, tetracicline ed associazione trimetoprim-sulfametossazolo. L'attivita' e' inibita dai cationi bivalenti, dagli acidi grassi insaturi e dai composti quaternari di ammonio.

EFFETTI INDESIDERATI

La somministrazione orale, a dosi prolungate e/o eccessive, puo', in rari casi, provocare disturbi gastrointestinali (vomito, nausea, diarrea).

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Usare solo conformemente alla valutazione del rapporto rischio/beneficio.

Codice: 102460033
Codice EAN:

Codice ATC: A07AA10
  • Apparato gastrointestinale e metabolismo
  • Antidiarroici, antinfiammatori ed antimicrobici intestinali
  • Antiinfettivi intestinali
  • Antibiotici
  • Colistina
Temperatura di conservazione: al riparo dalla luce
Gruppo merceologico: 8AC1A
  • Veterinaria
  • Alimentazione e dietetica veterinaria
  • Alimenti medicamentosi per animali
  • Premiscele medicate
Forma farmaceutica: POLVERE ORALE
Scadenza: 24 MESI
Confezionamento: SACCO

POLVERE ORALE

24 MESI

SACCO