Condividi:

ASEPSAN SOL VAG 5FL0,625%+5CAN

Produttore: ZAMBON ITALIA SRL
FARMACO DI AUTOMEDICAZIONE
RICETTA MEDICA NON RICHIESTA
Prezzo:

DENOMINAZIONE

ASEPSAN 0,625% SOLUZIONE VAGINALE

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Antimicrobici ed antisettici ginecologici.

PRINCIPI ATTIVI

Un flacone contiene principio attivo iodopovidone 1 g (pari a iodio attivo 0,1 g).

ECCIPIENTI

Camera superiore: sodio fosfato bibasico, acido citrico, acqua depurata. Camera inferiore: polisorbato 20, 2-fenossietanolo p-idrossibenzoati di metile, etile, propile, butile, glicole propilenico, acqua depurata.

INDICAZIONI

Disinfezione della mucosa vaginale.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Ipersensibilita' al principio attivo, ai derivati dello iodio o ad uno qualsiasi degli eccipienti. E' controindicato l'uso regolare nei pazienti con disordini tiroidei. Generalmente controindicato in gravidanza e allattamento.

POSOLOGIA

Effettuare la lavanda vaginale 1 o 2 volte al giorno. Per la preparazione e l'uso della lavanda vaginale seguire le istruzioni: premere sulflacone ancora sigillato, appoggiato ad un piano rigido, per ottenerelo spostamento dalla propria sede del setto separatore e quindi la connessione tra la camera contenente la soluzione di iodopovidone e quella contenente la soluzione diluente; agitare per miscelare la soluzione attiva con il diluente; aprire il flacone spingendo lateralmente il sigillo di garanzia e di chiusura; estrarre dall'involucro protettivo la cannula, innestandola sul flacone, sino ad assicurare il suo stabile posizionamento; predisporsi in modo tale che la soluzione possa svolgere la sua azione di detersione e di terapia (accosciandosi o stando seduti sui servizi igienici); la cannula termina con un erogatore apicale che presenta 3 fori per l'irrigazione e 3 scanalature per il deflusso del liquido; introdurre delicatamente in vagina solo l'erogatore apicale fino al limite di inserimento come indicato in figura; comprimere il flacone fino a completo svuotamento. Trattenere il liquido in vagina per alcuni minuti per consentire alla soluzione di svolgere la sua azione terapeutica. Attenersi inoltre alle eventuali istruzioni del medico curante.

CONSERVAZIONE

Conservare fra + 8 gradi e + 30 gradi C.

AVVERTENZE

L'uso, specie prolungato, dei prodotti per uso topico puo' dare origine a fenomeni di sensibilizzazione, in tal caso interrompere il trattamento e consultare il medico per istituire una idonea terapia. Non usare per trattamenti prolungati, dopo breve periodo di trattamento senzarisultati apprezzabili consultare il medico. L'ingestione o l'inalazione accidentale di alcuni disinfettanti puo' avere conseguenze gravi, talvolta fatali. Interrompere il trattamento almeno 10 giorni prima dieffettuare una scintigrafia con iodio marcato. Il medicinale contieneparaidrossibenzoati che possono causare reazioni allergiche (anche ritardate) e glicole propilenico che puo' causare irritazione cutanea.

INTERAZIONI

Evitare l'uso contemporaneo di altri antisettici e detergenti.

EFFETTI INDESIDERATI

E' possibile il verificarsi, in qualche caso, di intolleranza (bruciore o irritazione). In tal caso interrompere il trattamento. Il farmacopuo' interferire con le prove di funzionalita' tiroidea.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Durante la gravidanza e l'allattamento, il preparato va utilizzato solo nei casi di effettiva necessita' e sotto diretto controllo medico.

Codice: 032264020
Codice EAN:
Codice ATC: G01AX11
  • Sistema genito-urinario ed ormoni sessuali
  • Antimicrobici ed antisettici ginecologici
  • Antimicrobici ed antisettici, escl.le assoc.con corticoster.
  • Altri antimicrobici ed antisettici
  • Povidone-iodio
Temperatura di conservazione: da +8 a +30 gradi
Forma farmaceutica: SOLUZIONE VAGINALE
Scadenza: 36 MESI
Confezionamento: FLACONE