Condividi:

FLEXIBAN 30CPR RIV 10MG

Produttore: SIT LABORATORIO FARMAC. SRL
FARMACO DI CLASSE C
RICETTA MEDICA RIPETIBILE
Prezzo:

DENOMINAZIONE

FLEXIBAN 10 MG COMPRESSE RIVESTITE

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Sistema muscolo scheletrico - miorilassanti ad azione centrale.

PRINCIPI ATTIVI

Ciclobenzaprina cloridrato 10 mg.

ECCIPIENTI

Lattosio monoidrato, amido di mais, amido pregelatinizzato, ossido diferro giallo, magnesio stearato, ipromellosa, titanio diossido, idrossipropilcellulosa.

INDICAZIONI

Trattamento di condizioni muscolo-scheletriche acute caratterizzate da spasmo muscolare secondario a traumi, strappi muscolari, radicolopatia cervicale e lombosacrale con o senza interessamento discale, artrosi ipertrofica degenerativa con o senza interessamento radicolare. Il miglioramento si manifesta con sollievo dallo spasmo muscolare e dal dolore associato, dalla debolezza, dalla limitazione del movimento e conla ripresa delle attivita' quotidiane. Fibrosite: indicato per il sollievo dallo spasmo.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Somministrazione concomitante di inibitori della MAO o sospensione degli stessi da meno di due settimane. Infarto del miocardio, aritmie, blocco AV o disturbi della conduzione; scompenso congestizio, ipertiroidismo.

POSOLOGIA

La posologia ed il tipo di trattamento variano in relazione alle indicazioni cliniche con un range di 20-40 mg/die in dosi divise. La posologia abituale e' di 10 mg tre volte al giorno. Non dovra' essere superata la dose di 60 mg al di'. Non si consigliano cicli terapeutici superiori alle due settimane, in quanto in genere lo spasmo muscolare associato a lesioni muscolo-scheletriche e' di breve durata.

CONSERVAZIONE

Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.

AVVERTENZE

Il farmaco, strutturalmente e chimicamente e' simile agli agenti triciclici e pertanto nell'uso andranno valutate le normali precauzioni applicabili a questa classe di farmaci. Si e' riscontrato che i farmaci triciclici possono causare aritmia, tachicardia sinusale e prolungamento del tempo di conduzione, infarto del miocardio ed ictus. Il medicinale va somministrato con cautela ai pazienti con un'anamnesi di ritenzione urinaria, glaucoma ad angolo chiuso od aumentata pressione intraoculare. Il farmaco non si e' dimostrato efficace nel trattamento dellaspasticita' associata a malattie cerebrali o del midollo spinale, o in bambini con paralisi cerebrale. Non e' stata stabilita la sicurezza e l'efficacia in bambini di eta' inferiore ai quindici anni. Contiene lattosio.

INTERAZIONI

Il medicinale puo' aumentare gli effetti dell'alcool, dei barbituricie dei farmaci che deprimono il sistema nervoso centrale. Non e' statonotato alcun effetto significativo sui livelli plasmatici o sulla biodisponibilita' del prodotto e dell'acido acetilsalicilico quando dosi singole o multiple dei due farmaci sono state somministrate concomitantemente. La somministrazione concomitante con acido acetilsalicilico e' di solito ben tollerata e non sono stati osservati effetti indesiderati clinici o di laboratorio seri o inaspettati.

EFFETTI INDESIDERATI

Il farmaco e' generalmente ben tollerato. Gli effetti collaterali maggiormente segnalati sono stati: sonnolenza, secchezza della bocca, vertigini. Meno frequenti. Patologie cardiovascolari: tachicardia, sincope, aritmia, vasodilatazione, palpitazione, ipotensione. Patologie del sistema nervoso: atassia, vertigini, disartria, parestesia, tremori, ipertonia, convulsioni, disorientamento, insonnia, umore depresso, sensazioni anormali, ansia, agitazione, pensieri e sogni anormali, allucinazioni, eccitazione, confusione, euforia, nervosismo. Patologie gastrointestinali: vomito, anoressia, diarrea, dolore gastrointestinale, gastrite, sete, flatulenza, nausea, dispepsia, lingua impaniata, stipsi, dolore addominale, funzione epatica anormale. Patologie renali e urinarie: frequenza e/o ritenzione urinaria, diminuzione del tono della vescica. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo: sudorazione. Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo: spasmi muscolari, debolezza muscolare localizzata. Patologie gastrointestinali: ageusia, gusto sgradevole. Patologie dell'orecchio e del labirinto: ronzio. Patologie dell'occhio: vista annebbiata. Disturbi del sistema immunitario: reazioni allergiche, compresi rash cutanei, orticaria,edema del viso e della lingua. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione: senso di malessere, debolezza, stanchezza, cefalea, astenia. Relazione causale sconosciuta: altre reazioni, riportate raramente in circostanze dove non poteva essere stabilita o riferita una relazione causale per altri triciclici: ipertensione,dolore toracico, edema, ileo paralitico, scolorimento della lingua, trombocitopenia, aumento o perdita di peso, mialgia, libido aumentata odiminuita, andatura anormale, dispnea, prurito, alopecia, disturbi della minzione, impotenza.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Questo farmaco in gravidanza deve essere impiegato solo se necessario. Cautela deve essere posta quando il farmaco e' somministrato a donneche allattano.

Codice: 025327026
Codice EAN:
Codice ATC: M03BX08
  • Sistema muscolo-scheletrico
  • Miorilassanti
  • Miorilassanti ad azione centrale
  • Altri miorilassanti ad azione centrale
  • Ciclobenzaprina
Temperatura di conservazione: nessuna particolare condizione di conservazione
Forma farmaceutica: COMPRESSE RIVESTITE
Scadenza: 60 MESI
Confezionamento: BLISTER