Condividi:

GLAMIN FL 1000ML

Produttore: FRESENIUS KABI ITALIA SRL
FARMACO DI CLASSE C
USO OSPEDALIERO
Prezzo:

DENOMINAZIONE

GLAMIN, SOLUZIONE PER INFUSIONE

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Soluzioni endovena.

PRINCIPI ATTIVI

Alanina; arginina; acido aspartico; acido glutammico; glicil-glutammina H2O (corrispondente a glicina 10,27 g e glutammina 20,0 g); glicil-tirosina 2H2O (corrispondente a glicina 0,94 g e tirosina 2,28 g); istidina; isoleucina; leucina; lisina acetato (corrispondente a lisina 9,0 g); metionina; fenilalanina; prolina; serina; treonina; triptofano; valina.

ECCIPIENTI

Acido citrico (regolatore di pH); acqua per preparazioni iniettabili.

INDICAZIONI

Il farmaco fornisce aminoacidi quale apporto in terapia nutrizionale parenterale quando la nutrizione per via orale od enterale e' impossibile, insufficiente o controindicata, specie in pazienti con stato catabolico da moderato a grave. In regimi di nutrizione parenterale le soluzioni aminoacidiche devono essere sempre somministrate in combinazione con soluzioni infusionali che forniscono un appropriato apporto calorico.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Il medicinale e' controindicato in pazienti con difetti congeniti delmetabolismo degli aminoacidi (ad esempio fenilchetonuria) e con graveinsufficienza epatica e renale; ipersensibilita' ai principi attivi oad uno qualsiasi degli eccipienti elencati. Controindicazioni generali alla nutrizione parenterale sono: condizioni di instabilita' circolatoria a rischio di vita (shock), acidosi metabolica, ossigenazione cellulare insufficiente, iperidratazione, iponatriemia, ipokaliemia, iperlattatemia, aumentata osmolarita' sierica, edema polmonare e insufficienza cardiaca scompensata.

POSOLOGIA

Il dosaggio dipende dal fabbisogno di aminoacidi. Generalmente si raccomandano 1-2 g di aminoacidi/dipeptidi (corrispondenti a 0,17-0,34 g N) per kg di peso corporeo/die. Questo corrisponde a 7-14 ml di medicinale per kg di peso corporeo/die, vale a dire 500-1000 ml di farmaco/die per un paziente del peso di 70 kg. Velocita' di infusione raccomandata: 0,6-0,7 ml (corrispondente a 0,08-0,09 g di aminoacidi/dipeptidi)per kg di peso corporeo/ora. Questo corrisponde a 500 ml in 10-12 oreo 1000 ml in 20-24 ore per un paziente del peso di 70 kg. Il dosaggiodeve essere adattato individualmente in pazienti con alterata funzionalita' renale o epatica. Popolazione pediatrica: l'uso del farmaco none' raccomandato nei bambini. Modo di somministrazione: infusione per via endovenosa. Il medicinale deve essere somministrato attraverso la vena centrale, a causa della sua osmolarita' superiore a 800 mOsm/l. La somministrazione puo' essere protratta per periodi prolungati secondo quanto richiesto dalla condizione clinica del paziente. Ad oggi non sono disponibili esperienze cliniche relative a somministrazioni superiori alle 2 settimane.

CONSERVAZIONE

Flaconi di vetro: non conservare a temperatura superiore a 25 gradi C. Sacche plastica: non conservare a temperatura superiore a 25 gradi C; conservare nella sovrasacca.

AVVERTENZE

Monitoraggio raccomandato: elettroliti sierici, osmolarita' sierica, equilibrio idrico, stato acido-base come pure i test della funzionalita' epatica (fosfatasi alcalina, GPT, GOT). Popolazione pediatrica: il prodotto non e' indicato nei bambini di eta' inferiore a 2 anni, poiche' la sua composizione non e' adatta al fabbisogno di questi pazienti.Non esiste esperienza in bambini di eta' superiore, quindi l'uso del farmaco non puo' essere raccomandato.

INTERAZIONI

Non sono stati effettuati studi d'interazione, tuttavia non sono noteinterazioni fino ad oggi.

EFFETTI INDESIDERATI

Non sono previsti effetti indesiderati se impiegato come prescritto. La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopol'autorizzazione del medicinale e' importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Non sono disponibili dati sull'uomo sull'uso del medicinale durante la gravidanza e l'allattamento. L'uso del farmaco durante la gravidanzae l'allattamento deve essere soggetto alla valutazione di rischio/beneficio, in quanto non esiste esperienza nell'uomo. Tuttavia studi su animali (studi di embriotossicita' nel coniglio) non indicano un effetto dannoso diretto o indiretto nei confronti della riproduzione.

Codice: 032105025
Codice EAN:
Codice ATC: B05BA01
  • Sangue ed organi emopoietici
  • Succedanei del sangue e soluzioni perfusionali
  • Soluzioni endovena
  • Soluzioni nutrizionali parenterali
  • Aminoacidi
Temperatura di conservazione: non superiore a +25 gradi
Forma farmaceutica: SOLUZIONE PER INFUSIONE
Scadenza: 24 MESI
Confezionamento: FLACONE