Condividi:

LONGAZEM 14CPS 300MG RM

Produttore: DE SALUTE SRL
FARMACO MUTUABILE
RICETTA MEDICA RIPETIBILE
Prezzo:

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Antagonista del calcio, antipertensivo.

INDICAZIONI

Terapia e profilassi dell'insufficienza coronarica: angor da sforzo ed a riposo, angina di Prinzmetal, angor post-infartuale. Ipertensione arteriosa di grado lieve e moderato.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Ipersensibilita' individuale al farmaco o ai suoi componenti. Nel caso di malattia del nodo del seno e di blocco atrio-ventricolare di II eIII grado, eccetto che in presenza di un pace-maker ventricolare funzionante. Insufficienza ventricolare sinistra con stasi polmonare e di bradicardia accentuata (con frequenza cardiaca inferiore o uguale a 40battiti/min). Gravidanza (accertata o presunta) e allattamento.

POSOLOGIA

Una capsula al giorno ingerita con un po' di liquido e senza masticare, prima o durante i pasti. L'ora dell'assunzione nel corso della giornata e' indifferente, ma deve rimanere relativamente costante nel tempo per ogni paziente.

AVVERTENZE

Scegliere con oculatezza la posologia iniziale in pazienti anziani bradicardici. Deve essere esercitata una stretta sorveglianza nei pazienti che presentano bradicardia (rischio di peggioramento) o blocco atrio-ventricolare di I grado all'elettrocardiogramma (rischio di peggioramento ed eccezionalmente di blocco completo). In caso di insufficienzarenale, in caso di insufficienza epatica e nei soggetti anziani, le concentrazioni plasmatiche del diltiazem possono risultare aumentate. Si raccomandano una attenzione particolare alle controindicazioni ed alle precauzioni d'uso, nonche' una attenta sorveglianza della frequenzacardiaca e dell'elettrocardiogramma. In caso di anestesia generale, informare l'anestesista dell'assunzione del farmaco. Diltiazem puo' essere utilizzato senza rischio in pazienti con malattie respiratorie croniche. In donne di eta' fertile una eventuale gravidanza deve essere sempre esclusa prima dell'inizio del trattamento e durante il trattamento stesso deve essere assicurata una efficace copertura anticoncezionale.

INTERAZIONI

Nell'animale, sono stati costantemente osservati casi di fibrillazione ventricolare mortali in caso di somministrazione di verapamil e di dantrolene per via e.v.; l'associazione e' dunque potenzialmente pericolosa. Alfa-antagonisti: aumento dell'effetto ipotensivo. Beta-bloccanti: possibilita' di disturbi dell'automatismo (bradicardia eccessiva, arresto sinusale), disturbi della conduzione seno-atriale e atrio-ventricolare e collasso cardiaco (sinergismo d'azione). Amiodarone, digossina: aumentato rischio di bradicardia; si impone prudenza in caso di associazione con diltiazem, particolarmente in soggetti anziani o in caso di dosi elevate. La co-prescrizione con altri antiaritmici e' sconsigliata a causa dell'aumento di effetti indesiderati cardiaci per effetti additivi. Nitroderivati: aumento dell'effetto ipotensivo e lipotimie (sommazione degli effetti vasodilatatori). Ciclosporina: aumento delle concentrazioni plasmatiche di ciclosporina. Carbamazepina: aumento delle concentrazioni plasmatiche di carbamazepina. Teofillina: aumentodelle concentrazioni plasmatiche di teofillina. Antagonisti dei recettori istaminici H2 (cimetidina e ranitidina): aumento delle concentrazioni plasmatiche di diltiazem.

EFFETTI INDESIDERATI

Sono dovuti nella maggior parte dei casi all'effetto vasodilatatore del farmaco. Sono da segnalare: edemi degli arti inferiori, cefalea, vampate di calore, astenia, palpitazioni, malessere, disturbi digestivi (dispepsia, dolori addominali, secchezza delle fauci) e rash cutanei. I fenomeni dovuti a vasodilatazione (in particolare gli edemi) sono dose-dipendenti e risultano piu' frequenti negli anziani. Raramente si verificano bradicardia sintomatica, blocco senoatriale, blocco atrio-ventricolare: in questi casi e' opportuna la sospensione del trattamento. L'esperienza acquisita in altre indicazioni ha mostrato che le eruzioni cutanee sono per lo piu' localizzate e consistono in eritemi, orticaria o, eccezionalmente, eritemi desquamativi, eventualmente febbrili, che regrediscono dopo la sospensione del trattamento. Sono stati osservati nel periodo iniziale del trattamento rari casi di aumento delletransaminasi epatiche. Eccezionalmente sono stati riportati casi di epatite.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Diltiazem e' risultato teratogeno in alcune specie animali. In donne in eta' fertile una eventuale gravidanza deve essere sempre esclusa prima dell'inizio del trattamento e durante il trattamento stesso deve essere assicurata una efficace copertura anticoncezionale. Poiche' questo farmaco viene escreto nel latte materno, il trattamento con diltiazem e' controindicato durante l'allattamento.

Codice: 028217014
Codice EAN:
Codice ATC: C08DB01
  • Sistema cardiovascolare
  • Calcio-antagonisti
  • Calcio-antagonisti selettivi con effetto cardiaco diretto
  • Derivati benzotiazepinici
  • Diltiazem
Temperatura di conservazione: nessuna particolare condizione di conservazione
Forma farmaceutica: CAPSULE
Scadenza: 36 MESI
Confezionamento: BLISTER