Condividi:

MESALAZINA MG 24CPR GASTR800MG

Produttore: MYLAN SPA
FARMACO MUTUABILE
RICETTA MEDICA RIPETIBILE
Prezzo:

DENOMINAZIONE

MESALAZINA MYLAN GENERICS

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Antinfiammatori intestinali.

PRINCIPI ATTIVI

Mesalazina.

ECCIPIENTI

Compresse: lattosio; polivinilpirrolidone; carbossimetilcellulosa; carmellosa sodica; magnesio stearato; copolimeri metacrilici; trietilcitrato; talco; ferro ossido rosso. Sospensione rettale: silice colloidale; gomma xantan; carbossimetilcellulosa sodica; sodio benzoato; sodio metabisolfito; acido fosforico concentrato; acqua depurata. Supposte: gliceridi semisintetici solidi.

INDICAZIONI

Compresse gastroresistenti: colite ulcerosa e morbo di Crohn. Sospensione rettale: colite ulcerosa a localizzazione retto-sigmoidea. Supposte: colite ulcerosa a localizzazione rettale. E' indicato sia nel trattamento delle fasi attive della malattia, sia nella prevenzione delle recidive.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Ipersensibilita' accertata verso il principio attivo, ai salicilati in genere o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Ulcera peptica in fase attiva. Nefropatie gravi. Bambini al di sotto dei due anni di eta'. Evitare l'uso del prodotto durante le ultime settimane di gravidanza. Evitare l'uso delle compresse nei bambini di eta' inferiore ai 6 anni.

POSOLOGIA

COMPRESSE. Adulti: 1-2 compresse da 400 mg oppure 1 compressa da 800 mg, 3 volte al giorno, sino a 10 compresse da 400 mg o 5 compresse da 800 mg al giorno nelle forme gravi. Bambini: dosi proporzionalmente ridotte. In caso di primo trattamento e' opportuno raggiungere la posologia piena dopo qualche giorno di trattamento, incrementando gradualmente il dosaggio. Per le fasi attive, la durata del trattamento e' mediamente di 6-12 settimane e puo' variare in rapporto alla evoluzione clinica. SOSPENSIONE RETTALE. Adulti: 1 clisma, 1 volta al giorno, preferibilmente la sera prima di coricarsi. Bambini: dosi proporzionalmente ridotte. Agitare bene prima dell'uso per ottenere una sospensione omogenea, togliere il tappo ed avvitare la cannula rettale annessa al flacone di plastica. Per le fasi attive, la durata del trattamento e' mediamente di 6-8 settimane e puo' variare in rapporto alla evoluzione clinica. SUPPOSTE. Adulti: in media 3 supposte al giorno, divise in 2-3 somministrazioni nella fase attiva; 1-2 supposte al giorno per la prevenzione delle recidive. Bambini: dosi proporzionalmente ridotte. Per ottenere un miglior effetto terapeutico e' importante che la supposta venga tenuta per almento 30 minuti, o meglio, per piu' lunghi periodi (ad esempio, per tutta la notte). Per le fasi attive, la durata del trattamento e' mediamente di 3-4 settimane e puo' variare in rapporto allaevoluzione clinica. Per evitare ricadute, e' raccomandabile adottare un trattamento di lunga durata, riducendo gradualmente la posologia adottata nella fase attiva della malattia.

CONSERVAZIONE

Non esporre alla luce diretta del sole.

AVVERTENZE

Nelle fasi attive di grado severo puo' essere consigliabile associareun trattamento cortisonico per via sistemica. Recidive della sintomatologia obiettiva e soggettiva possono verificarsi sia dopo la sospensione sia durante un trattamento di mantenimento inadeguato. In pazientiche hanno una digestione gastrica eccezionalmente lenta o sono portatori di una stenosi pilorica, si potra' talora avere una liberazione diMesalazina gia' nello stomaco, con una conseguente irritazione gastrica ed una perdita di efficacia del farmaco. L'eventuale comparsa di reazioni di ipersensibilita' comporta l'immediata interruzione del trattamento. Prima di iniziare il trattamento con la sospensione rettale ilpaziente deve essere sottoposto alle indagini cliniche necessarie perprecisare la diagnosi e le indicazioni terapeutiche. Nei pazienti condanno renale ed epatico il prodotto va usato con cautela. Se ne evitera' invece l'uso in quelli con conclamata insufficienza renale. L'uso prolungato del prodotto puo' dare origine a fenomeni di sensibilizzazione.

INTERAZIONI

In occasione della somministrazione delle compresse, va evitata la contemporanea somministrazione di lattulosio o di altre preparazioni cheabbassando il pH del colon, possono ostacolare il rilascio di Mesalazina.

EFFETTI INDESIDERATI

Con le forme orali, sono stati segnalati raramente disturbi gastrointestinali(nausea, diarrea, dolori addominali) e cefalea in alcuni pazienti che gia' in precedenza non tolleravano la Salicilazosulfapiridina.Con le forme rettali (sospensione rettale e supposte), solo sporadicamente sono stati segnalati: nausea, diarrea, dolori addominali, cefalea ed eruzioni cutanee.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

In caso di gravidanza accertata o presunta il medicinale va somministrato solo in caso di assoluta necessita' e sotto stretto controllo medico; comunque l'uso del prodotto andra' evitato nelle ultime settimanedi gravidanza e durante l'allattamento. La Mesalazina non e' escreta nel latte materno.

Codice: 033529025
Codice EAN:
Codice ATC: A07EC02
  • Apparato gastrointestinale e metabolismo
  • Antidiarroici, antinfiammatori ed antimicrobici intestinali
  • Antinfiammatori intestinali
  • Acido aminosalicilico ed analoghi
  • Mesalazina
Temperatura di conservazione: al riparo dalla luce
Forma farmaceutica: COMPRESSE GASTRORESISTENTI
Scadenza: 24 MESI
Confezionamento: BLISTER