Condividi:

SUCRALFATO M.G. POLVERE 30 BUSTINE 2G

Produttore: MYLAN SPA
FARMACO MUTUABILE
RICETTA MEDICA RIPETIBILE
Prezzo:

DENOMINAZIONE

SUCRALFATO MYLAN GENERICS

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Antiulcera peptica e malattia da reflusso gastroesofageo.

PRINCIPI ATTIVI

Sucralfato.

ECCIPIENTI

>>Compresse masticabili: mannitolo 500 mg; magnesio stearato 50 mg; aroma menta 40 mg; silice colloidale 10 mg; saccarosio 900 mg. >>Sospensione orale (1 g): saccarosio 2,716 g; carbossimetilcellulosa 150 mg; aroma panna 80 mg; lecitina 40 mg; silice precipitata 10 mg; acesulfame K 4 mg. >>Sospensione orale (2 g): saccarosio 4,659 g; carbossimetilcellulosa 200 mg; aroma panna 80 mg; lecitina 40 mg; silice precipitata 18 mg; acesulfame K 3 mg.

INDICAZIONI

Ulcera gastrica, ulcera duodenale, gastrite acuta, gastriti croniche sintomatiche, gastropatie da FANS (antinfiammatori non steroidei), esofagite da reflusso.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR

Non somministrare durante eventuali trattamenti antibiotici con tetracicline per evitare la formazione di sali complessi con conseguente inattivazione dell'antibiotico. Ipersensibilita' individuale ai componenti o sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico. Neonati prematuri. Sospensione orale: individui con intolleranza ereditariaal fruttosio, sindrome di malassorbimento di glucosio e galattosio o deficienza di saccarasi-isomaltasi.

POSOLOGIA

1 g (1 bustina da 1 g o una compressa masticabile da 1 g) 4 volte al giorno o 2 g (1 bustina da 2 g) 2 volte al giorno a stomaco vuoto, 1 ora prima dei pasti e prima di coricarsi. Per la terapia di mantenimento da 1 a 2 g al giorno.

CONSERVAZIONE

Conservare ad una temperatura non superiore a 25 gradi C.

AVVERTENZE

Usare con cautela, evitando trattamenti prolungati, in pazienti con insufficienza renale. L'impiego in gravidanza deve essere attentamente valutato e riservato in casi ove sia chiaramente necessario. Sono stati riportati casi di formazione di bezoar associati con la somministrazione di sucralfato. La maggioranza di questi era rappresentata da pazienti in terapia intensiva e da neonati prematuri. Pertanto, deve essere esercitata estrema cautela nel trattamento di pazienti in terapia intensiva specialmente se ricevono nutrizione entrale, o in pazienti chepresentano fattori predisponenti come ritardato svuotamento gastrico.L'uso del sucralfato nei bambini e' sconsigliato, in quanto la sicurezza e l'efficacia nella popolazione pediatrica non sono state stabilite.

INTERAZIONI

Non somministrare durante eventuali trattamenti con tetracicline, fenitoina e digoxina. Potendo inoltre alterare la biodisponibilita' di altri farmaci si consiglia di interporre un intervallo di almeno due oretra l'assunzione del prodotto e quella di altro farmaco.

EFFETTI INDESIDERATI

Gli effetti secondari dell'uso clinico del sucralfato sono lievi e normalmente non conducono alla sospensione della terapia. L'effetto piu'frequente e' la costipazione. Altri effetti meno comunemente riportati sono: disturbi gastroenterici, secchezza delle fauci, rash, prurito,vertigini, insonnia. Per la presenza di mannitolo le compresse masticabili possono causare diarrea. Sono stati riportati casi molto rari diformazione di bezoar.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Poiche' non esistono studi ben controllati su donne gravide, in caso di gravidanza deve essere usato solo se strettamente necessario. Non e' noto se il sucralfato viene eliminato attraverso il latte umano, comunque la somministrazione del prodotto durante l'allattamento deve essere effettuata con cautela.

Codice: 033394038
Codice EAN:
Codice ATC: A02BX02
  • Apparato gastrointestinale e metabolismo
  • Farmaci per disturbi correlati all'acidita'
  • Antiulcera peptica e malattia da reflusso gastroesof.
  • Altri antiulcera peptica e malattia da reflusso gastroesof.
  • Sucralfato
Temperatura di conservazione: non superiore a +25 gradi
Forma farmaceutica: POLVERE ORALE
Scadenza: 48 MESI
Confezionamento: BUSTINA/BUSTA SINGOLA